Sistemi a biomassa nelle strutture alberghiere

Hoval, azienda specializzata nel settore del riscaldamento e del benessere in ambiente, ha scelto l’area geografica del Casentino per presentare i risultati e i vantaggi dell’utilizzo della tecnologia dei sistemi a biomassa per le strutture alberghiere. In particolare tre le referenze locali frutto della partnership tra l’azienda e la Giancarlo Rossi srl di Ponte a Poppi: l’Hotel Granduca e l’Hotel Lo Scoiattolo di Campigna e la struttura sociosanitaria il Villaggio della Consolata di Serravalle di Bibbiena.

hoval-biolyt-36-2

Gli interventi di riqualificazione energetica hanno previsto la sostituzione dei vecchi impianti a gasolio dei due alberghi e della vecchia centrale a GPL della casa di cura, con l’installazione delle caldaie a pellet Hoval BioLyt da 36 kW per il piccolo albergo Lo Scoiattolo, da 110 KW per il più grande Hotel Granduca e di un impianto a pellet da 200 kW per La Consolata, che con questo intervento risulta essere la prima struttura ospedaliera carbon footprint zero.

Caldaia Hoval Biolyt

Ecologica ed economica la caldaia a pellet Hoval BioLyt presenta una struttura compatta, trovando facilmente spazio nel locale caldaia. Il corpo dell’impianto, il rivestimento e il dispositivo di regolazione vengono forniti singolarmente e montati direttamente sul posto. Di serie presenta un serbatoio di accumulo del pellet e, a richiesta un sistema di alimentazione completamente automatico. In caso di utilizzo esclusivo del serbatoio di accumulo, questo deve essere riempito manualmente ogni settimana.

Se combinato con il sistema di alimentazione, il serbatoio viene riempito in modo completamente automatico da un deposito di stoccaggio. Questo sistema di alimentazione, con unità di comando e turbina di aspirazione, trasporta il pellet dal vano di stoccaggio direttamente nel serbatoio tramite un tubo flessibile. Il riempimento è temporizzato e avviene nell’arco di pochi minuti. Grazie al processo di combustione praticamente privo di residui, il cassetto ceneri della caldaia BioLyt può essere svuotato anche solo una volta a stagione dallo stesso tecnico del servizio assistenza in occasione della manutenzione hoval-topgas-35kwannuale.

Regolazione Hoval Top Tronic E

Il meccanismo di regolazione Hoval Top Tronic E gestisce gli impianti centralmente: regola automaticamente il funzionamento della caldaia in base alle reali necessità. Con collegamento internet, il sistema riconosce in tempo utile le previsioni del tempo, regolando di conseguenza la produzione di calore, fornisce dati analitici sul funzionamento e l’efficienza dell’impianto ed è in grado di riconoscere in automatico quando è necessario un intervento di assistenza tecnica e di avvisare contemporaneamente, sulla centralina e sullo smartphone, l’utente e l’assistenza Hoval.

Caldaia Hoval Topgas

Nella struttura Lo Scoiattolo la caldaia BioLyt è stata integrata da una caldaia murale a condensazione Hoval TopGas da 35 kW, che interviene solamente come generatore ausiliario in caso di emergenza o di guasto del generatore primario. Disponibili in un’ampia varietà di modelli, con potenze comprese tra 10 e 120 kW, le caldaie Hoval TopGas possono essere utilizzate da sole o in combinazione con un impianto a energia solare o a pellet, come in questo caso.

Funzionamento in cascata

La centrale del Villaggio della Consolata è costituita da due caldaie BioLyt da 110 kW che lavorano in cascata. A queste si aggiungeranno 25 metri quadrati di impianto solare termico: una superficie che prevede 10 pannelli che andrà ad integrare il riscaldamento, ma soprattutto la produzione estiva dell’acqua calda sanitaria.