Il sistema domotico di una “casa passiva”

Came, azienda leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l’automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani, ha realizzato il sistema domotico, antintrusione e di videocitofonia di una “casa passiva” costruita a Gardigiano, in provincia di Venezia.

L’edificio bifamiliare, costituto da due appartamenti di 200 mq disposti su due piani, realizzato interamente in legno senza l’utilizzo di calcestruzzo, è stato appositamente progettato per ottenere il certificato di “casa passiva”. Nell’abitazione, totalmente priva di sistemi di riscaldamento, la somma degli apporti di calore provenienti dal sole trasmessi dalle finestre e aggiunti a quelli generati dagli elettrodomestici, compensano le perdite dell’involucro durante la stagione fredda.

La casa, ben coibentata all’esterno con lana di roccia, dispone di un impianto di ventilazione che garantisce un ricircolo costante dell’aria, abbinato a una pompa di calore che immette aria calda nella ventilazione in inverno e aria fresca in estate. L’energia elettrica e l’acqua calda vengono, invece, generate da un impianto fotovoltaico.

Nella casa, concepita secondo i più moderni criteri dell’edilizia eco-sostenibile, c’era l’esigenza di gestire al meglio, attraverso un unico sistema, tutte le automazioni presenti, dalla videocitofonia alle tapparelle, dalle aperture all’impianto Tvcc, dalle luci a LED dimmerabili fino al controllo carichi.
La soluzione doveva essere semplice e intuitiva da utilizzare, da parte dell’installatore e del padrone di casa, che dovevano accedervi, sia in locale che da remoto.

L’abitazione è stata completamente automatizzata, attraverso il sistema domotico Came, progettato per gestire al meglio tutti i dispositivi installati e offrendo il massimo del comfort e del benessere. Came Domotic 3.0 è una soluzione d’avanguardia, completa, integrata e modulare, in grado di adattarsi alla casa passiva, senza essere invasiva poiché consente ai proprietari di creare un’abitazione su misura scegliendo quali funzionalità domotiche implementare e quali eventualmente aggiungere anche a distanza di tempo. Grazie alla tecnologia Came Connect, installatore e padroni di casa possono gestire anche da remoto, collegandosi in Cloud attraverso smartphone e tablet, tutte le automazioni presenti nella casa.

In caso di eccessiva richiesta di potenza causata da due o più elettrodomestici collegati contemporaneamente, i moduli di controllo energia di Came Domotic 3.0 provvedono a scollegare i carichi elettrici meno importanti e a ricollegarli in un secondo momento, in base a un ordine prestabilito dai proprietari.
Il sistema consente, inoltre, di visualizzare sul terminale touch screen il consumo attuale e storico dei vari carichi elettrici controllati e permette la lettura dell’energia prodotta e consumata dall’impianto fotovoltaico.
Utilizzando due toroidi, collegati uno a valle del contatore e uno all’uscita dei pannelli, è possibile leggere e visualizzare sul terminale touch screen il valore dell’energia prodotta, consumata e la risultante dei due valori.

Nella casa passiva sono stati installati anche un sistema antintrusione Came e un sistema di videosorveglianza composto da monitor, telecamere e videoregistratori digitali in grado di offrire il massimo della sicurezza.
Completa la soluzione un sistema videocitofonico costituito da un posto esterno Thangram e un videocitofono vivavoce Futura IP a colori, con display LCD da 7’’, provvisto di interfaccia grafica utente, funzione di videosegreteria integrata e pulsanti soft touch, con sistema digitale XIP, installato a parete.

www.came.com