Adani risponde all’Hindenburg, dicendo che ha fatto tutte le rivelazioni

  • Adani ha pubblicato una confutazione di 413 pagine al Rapporto Hindenburg
  • Il rapporto sui venditori allo scoperto negli Stati Uniti ha innescato il calo delle azioni Adani
  • Adani rispetta le leggi, divulgazioni richieste
  • Il CFO di Adani è fiducioso del successo della vendita di azioni da 2,5 miliardi di dollari

NUOVA DELHI, 30 gennaio (Reuters) – L’indiano Adani Group ha rilasciato domenica una dettagliata confutazione a un rapporto di Hindenburg Research che ha innescato una disfatta di 48 miliardi di dollari delle sue azioni.

Il gruppo, guidato dal miliardario indiano Gautam Adani, l’uomo più ricco dell’Asia, ha affermato che il rapporto Hindenburg della scorsa settimana aveva lo scopo di aiutare i venditori allo scoperto con sede negli Stati Uniti a prenotare guadagni, senza citare fonti.

Il crollo del mercato azionario è una drammatica battuta d’arresto per Adani, 60 anni, un abbandono scolastico che negli ultimi anni è diventato la terza persona più ricca del mondo, la scorsa settimana al settimo posto nella lista dei ricchi di Forbes.

La risposta di Adani Group è il suo fiore all’occhiello Adani Enterprises (ADEL.NS), procedendo con una vendita di azioni da 2,5 miliardi di dollari. Ciò è stato messo in ombra dal rapporto di Hindenburg, che ha segnalato preoccupazioni sui livelli del debito e sull’uso dei paradisi fiscali.

“Tutte le transazioni effettuate da noi con entità che si qualificano come ‘parti correlate’ ai sensi delle leggi e dei principi contabili indiani sono state debitamente divulgate da noi”, ha dichiarato Adani in una risposta di 413 pagine pubblicata domenica scorsa.

READ  Novak Djokovic, costruito in modo flessibile, si è ripreso

“È irto di conflitti di interesse e Hindenburg, un venditore allo scoperto ammesso, mira solo a creare un falso mercato di obbligazioni per registrare massicci guadagni finanziari attraverso mezzi fuorvianti a spese di innumerevoli investitori”, ha aggiunto.

Hindenburg ha dichiarato sul suo sito web che la risposta di Adani “ha confermato le nostre scoperte e ha ignorato le nostre domande chiave”. Adani Group ha ribadito la sua posizione corta in obbligazioni quotate negli Stati Uniti e derivati ​​indiani non negoziati.

Il suo rapporto metteva in dubbio il modo in cui il gruppo Adani utilizzava società offshore in paradisi fiscali come Mauritius e le isole dei Caraibi, e alcuni fondi offshore e società di comodo detenevano “segretamente” partecipazioni nelle società quotate di Adani.

Il rapporto di audit, ha detto Adani, ha fatto “false affermazioni su società offshore” senza alcuna prova.

Hindenburg ha affermato di aver riscontrato la mancanza di risposte dirette e trasparenti da parte di Adani.

Giovedì Adani ha detto che stava prendendo in considerazione un’azione contro l’Hindenburg e ha risposto lo stesso giorno dicendo che ha accolto con favore tale azione.

Il rapporto di Hindenburg ha anche affermato che cinque delle sette principali società Adani quotate avevano rapporti attuali inferiori a 1, suggerendo una riduzione dei livelli di attività liquide, “aumentando il rischio di liquidità a breve termine”.

Ha affermato che le principali società Adani quotate hanno “debiti sostanziali” che mettono il gruppo nel suo insieme in “condizioni finanziarie sicure” e le azioni di sette società quotate Adani sono diminuite dell’85% a causa di quelle che ha definito “valutazioni altissime”.

Nella risposta di Adani, le sue società del gruppo hanno “costantemente ridotto l’indebitamento” nell’ultimo decennio.

READ  Novak Djokovic batte Stefanos Tsitsipas e vince il decimo titolo degli Australian Open

Il Gruppo Adani ha difeso la sua pratica di impegnare azioni dei suoi promotori o azionisti principali, affermando che raccogliere fondi contro le azioni è una pratica comune a livello globale e che i prestiti sono concessi da grandi società e banche sulla base di un’analisi approfondita del credito.

Il gruppo ha affermato che in India è in atto un solido sistema di divulgazione e che i livelli di impegno del promotore tra le società in portafoglio sono passati da oltre il 50% in alcuni titoli quotati nel marzo 2020 a meno del 20% nel dicembre 2022.

“Viaggio attraverso”

Il rapporto Hindenburg e le sue conseguenze sono viste come una delle più grandi sfide industriali per il miliardario i cui interessi commerciali spaziano da porti, aeroporti, miniere e energia ai media e cemento.

La risposta di Adani conteneva oltre 350 pagine di allegati, tra cui relazioni annuali, comunicazioni pubbliche e precedenti sentenze giudiziarie.

Hindenburg ha affermato che Adani ha cercato risposte a 88 domande nel suo rapporto, ma 65 di esse riguardavano le divulgazioni delle società del portafoglio di Adani nei loro rapporti annuali.

Il resto, ha detto Adani, riguardava azionisti pubblici e terzi, e alcuni erano “accuse prive di fondamento basate su forme fittizie di verità”.

Hindenburg ha dichiarato: “Adani non ha risposto specificamente a 62 delle nostre 88 domande”.

Hindenburg è meglio conosciuto per il produttore di camion elettrici Nicola Corp (NKLA.O) E Twitter.

Adani ha risposto alle accuse di Hindenburg riguardo ai revisori della società dicendo: “Tutti i revisori da noi incaricati sono debitamente certificati e qualificati dagli organi statutari competenti”.

La risposta arriva poche ore prima dell’apertura del mercato indiano, poiché la vendita di azioni secondarie da 2,5 miliardi di dollari inizia il suo secondo giorno di sottoscrizione. Il calo di venerdì ha portato le azioni Adani Enterprises al di sotto del loro prezzo di emissione, sollevando dubbi sul suo successo.

READ  Il gol in ritardo di Keysher Fuller ha sbalordito il Giappone e rilanciato la Coppa del Mondo del Costa Rica | Mondiali 2022

In una dichiarazione separata di domenica, Jukeshinder Singh, Chief Financial Officer di Adani Group, ha dichiarato di essere concentrato sulla vendita delle azioni e di sperare che abbia successo. I suoi investitori di riferimento hanno mostrato fiducia e hanno continuato a investire, ha aggiunto.

“Riteniamo che anche l’FPO (offerta pubblica di follow-on) andrà a buon fine”, ha affermato.

Aditya Kalra, Aditi Shah, Jayshree Upadhyay e Anirudh Saligrama riferiscono a Bengaluru; Montaggio di Kevin Liffey, Alexander Smith e Muralikumar Anantharaman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.