Arina Sabalenka ha sconfitto Elina Rybakina in un’emozionante finale femminile dell’Australian Open.



Cnn

Nato in Bielorussia Arina Sabalenka Sconfitto Elena Rybakina Una vivace vittoria femminile in tre set Circuito aperto d’Australia Sabato scorso è diventato il primo giocatore a competere sotto una bandiera neutrale per vincere un Grande Slam.

Durante il conflitto in corso in Ucraina, l’organizzatore del torneo Tennis Australia ha chiesto ai giocatori russi e bielorussi di competere come neutrali.

Sapalenka, che era fuori dal primo set, ha prodotto una rimonta notevole battendo il campione in carica di Wimbledon 4-6 6-3 6-4 a Melbourne.

Una pausa del servizio di Rybakina nel settimo game di un teso terzo set è stata la svolta cruciale per la quinta testa di serie, il cui servizio velenoso e feroci colpi da fondo campo alla fine hanno spianato la strada alla sua vittoria.

Dopo un inizio nervoso di Sabalenka – ha commesso cinque doppi falli e vinto solo quattro punti sulla seconda di servizio nel primo set – sembrava un tipico secondo Grande Slam visto che Rybakina ha vinto il primo set in 34 minuti.

Ma Sabalenka ha trovato precisione e potenza nel secondo e terzo set, con Rybakina che inciampa nelle fasi cruciali. Il kazako di origine russa, un grande battitore, ha visto tre punti per il campionato ma ha mandato un dritto lungo nel quarto. Sabalenka è caduto a terra ed è scoppiato in lacrime quando ha vinto il suo primo major.

Ha festeggiato salendo nel box dei giocatori dove si poteva vedere il suo allenatore, Anton Dubrov, singhiozzare sull’asciugamano.

“Sto ancora tremando e sono molto nervosa”, ha detto al pubblico nel suo discorso in aula prima della presentazione.

READ  Matt Rule ha guidato il programma di calcio del Nebraska

Sabalenka, che ha ricevuto il trofeo da Billie Jean King, ha ringraziato l’americana per il suo lavoro pionieristico nel calcio femminile e ha ringraziato la sua squadra, che ha definito “pazza in tournée”.

“Abbiamo avuto un sacco di bassi l’anno scorso”, ha detto. “Abbiamo lavorato molto duramente e ti meriti questo trofeo, riguarda più te che me. Grazie mille per tutto quello che fai per me. Ti amo”.

Sabalenka, nata a Minsk, stava facendo la sua prima finale del Grande Slam, dopo aver perso in precedenza tre semifinali importanti. Servendo per primo, ha aperto la partita con un doppio fallo perché i nervi hanno chiaramente giocato un ruolo in un’occasione del genere. In seguito ha ammesso di “non aver giocato bene” nel primo set.

Nel secondo set ha colpito un diritto di Rybakina portandosi in vantaggio per 3-1. Quando Rybakina ha minacciato subito il break, proprio come aveva fatto nel primo set, Sabalenka ha tenuto duro e ha superato un altro doppio fallo allungando ulteriormente il suo vantaggio fino al 4-1.

Dopo l’impressionante secondo set di Sabalenka, la partita ha deciso un teso terzo set. La coppia è andata in punta di piedi all’inizio, avendo entrambi il coraggio di andare per i loro colpi e sostenere il potere, ma è stato Sabalenka che alla fine ha sfondato.

“Ho bisogno di qualche giorno in più per rendermi conto di quello che è successo”, ha detto Sabalenka a Eurosport.

“Sono molto felice e orgoglioso. Ho molte cose in testa. Non sono più su questo pianeta. È una sorta di sollievo, ero nella top 10, ma non ho ancora un Grand Trofeo Slam, è stato molto difficile ottenerlo, ogni Slam è stato molto emozionante.

READ  Tiger Woods si avvicina alla fine del Round 1 del British Open

“È un sollievo, è una gioia, sono orgoglioso di me stesso, di tutti”.

Alla domanda su come avrebbe festeggiato, Sabalenka ha riso e ha detto: “Probabilmente ho mangiato tutto quello che non potevo questa settimana”.

Altro da seguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *