Elon Musk ha chiesto agli utenti di Twitter se dovesse dimettersi dalla carica di CEO

Elon Musk ha lanciato un sondaggio su Twitter chiedendo agli utenti se dovrebbe dimettersi dalla carica di leader della piattaforma di social media, giurando di onorare la decisione dopo un contraccolpo a una nuova politica che vieta la promozione di account su piattaforme rivali.

L’uomo d’affari miliardario ha comprato Cinguettio $ 44 miliardi in ottobre e il suo amministratore delegato ha scritto ai suoi 122 milioni di follower domenica sera: “Dovrei dimettermi da presidente di Twitter? Mi atterrò ai risultati di questo sondaggio.

Musk in seguito ha dichiarato in un tweet: “Nessuno vuole davvero il compito di mantenere in vita Twitter. Nessun successore”.

I seggi saranno aperti per 11 ore, chiudendo alle 10:20 GMT. A tre ore dalla fine, 14 milioni di persone avevano votato, con il 57% a favore delle sue dimissioni e il 43% contrario.

La mossa arriva dopo che Twitter, domenica scorsa, ha annunciato una nuova politica che vieta agli utenti di condividere collegamenti ai propri account su Facebook e Instagram di Mark Zuckerberg e sulle piattaforme rivali di Donald Trump. Vera comunitàPiù Tribel, Nostr e Post.

“Sappiamo che molti dei nostri utenti potrebbero essere attivi su altre piattaforme di social media; Tuttavia, d’ora in poi, Twitter non consentirà più ad alcune piattaforme di social media di fare pubblicità su Twitter gratuitamente”, ha affermato la società in un post.

I reati iniziali possono comportare sospensioni temporanee o l’obbligo di eliminare il tweet offensivo, ma i recidivi devono affrontare sospensioni permanenti, ha affermato.

“Twitter dovrebbe essere facile da usare, ma non avere l’implacabile pubblicità gratuita dei concorrenti. Nessun editore tradizionale lo consentirebbe, e nemmeno Twitter”. Muschio ha detto sul palco prima di domenica.

READ  Serena Williams ha superato la numero 2 del mondo Annette Kontavit nella partita di singolo degli US Open.

Tuttavia, la politica ha suscitato critiche immediate da parte dei detrattori di Musk e persino dei suoi alleati della Silicon Valley in quanto troppo restrittiva.

Il CEO di SpaceX e Tesla ha risposto che la politica sarebbe stata “adeguata” in modo che le sospensioni si applicassero solo “quando lo scopo principale di quell’account è promuovere i concorrenti”.

In un tweet separato, ha scritto: “Andando avanti, ci sarà un referendum su importanti cambiamenti politici. Mie scuse. Non accadrà più.”

La mossa è l’ultima scossa da quando Musk è subentrato, licenziando metà del suo personale, tagliando i costi e rivedendo i suoi processi di controllo e moderazione.

Viene dopo due giorni di muschio Sospesi diversi giornalisti americani di alto profilo Twitter afferma di aver violato una politica creata di recente sulla condivisione delle informazioni sulla posizione. Giornalisti tra cui Ryan Mack del New York Times e Tony O’Sullivan della CNN sono stati reintegrati. Venerdì, i politici dell’UE e del Regno Unito hanno espresso preoccupazione per la sospensione e la libertà di stampa.

Il cambio di politica di domenica ha attirato l’attenzione di alcuni dei sostenitori di Musk nella Silicon Valley, tra cui l’ex partner di a16z Balaji Srinivasan, che ha scritto: “Questa è una cattiva politica e deve essere cambiata. Il modo giusto per competere è costruire un prodotto migliore, non limitare l’uso del prodotto.”

Paul Graham, fondatore dell’incubatore di start-up Y Combinator, ha elogiato Musk in precedenza quando ha rilevato Twitter: “Questa è l’ultima goccia. Mi arrendo”, prima di aggiungere, il suo sito web includeva un collegamento al suo account Mastodon. Successivamente è stato sospeso dal palco per aver twittato.

READ  Il QB dei New York Jets Zach Wilson potrebbe uscire entro la settimana 4; Joe Flacco inizia l'apertura della stagione contro i Baltimore Ravens

L’ex amministratore delegato di Twitter Jack Dorsey, che ha investito in una delle piattaforme vietate, ha dichiarato in un tweet che la politica “non ha senso”.

Altri critici sostengono che la mossa potrebbe essere impopolare tra i creatori, molti dei quali hanno creato un pubblico su più piattaforme, e contraddicono l’impegno di Musk di essere un sostenitore della libertà di parola. Musk ha ripristinato account che erano stati permanentemente banditi sotto la precedente leadership, come l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Gli esperti avvertono inoltre che le politiche potrebbero essere oggetto di esame da parte delle autorità di regolamentazione dell’UE e degli Stati Uniti. “Queste [policies] sono chiaramente anticoncorrenziali. . . Perché sembrano inibire la comunicazione tra i consumatori confrontando i concorrenti”, ha affermato Pinar Yildirim, professore associato di economia e marketing presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania.

Prima che la politica fosse annunciata domenica, a diversi utenti di Twitter è stato impedito di provare a condividere collegamenti ai propri profili Mastodon, con il sito che contrassegnava i post come “dannosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.