I documenti hanno chiesto i documenti dopo che un avvocato di Trump ha accettato che dovrebbero essere restituiti, dice l’e-mail

Circa due dozzine di documenti presidenziali archiviati nella residenza dell’allora presidente Donald Trump alla Casa Bianca non sono stati restituiti alla National Archives and Records Administration negli ultimi giorni del suo mandato. Ancora una volta, secondo un’e-mail del principale avvocato dell’agenzia.

“Siamo consapevoli del fatto che quasi due dozzine di scatole di documenti presidenziali originali sono state conservate nella residenza della Casa Bianca l’anno scorso quando il presidente Trump è entrato in carica e che non sono state trasferite alla NARA, nonostante la determinazione di Pat Cipollone che dovrebbero essere negli ultimi giorni di l’amministrazione”, ha detto a Trump nel maggio 2021 Gary Stern, il consigliere capo dell’agenzia. Ha scritto in un’e-mail agli avvocati, una copia della quale è stata esaminata dal Washington Post.

L’e-mail mostra che i funzionari della NARA erano preoccupati di conservare dozzine di scatole di documenti ufficiali prima che Trump lasciasse la Casa Bianca, una preoccupazione che si è solo intensificata nei prossimi mesi quando Trump ha ripetutamente negato i documenti. Mostra che gli avvocati di Trump erano preoccupati per il fatto che Trump prendesse i documenti e hanno concordato che le scatole dovrebbero essere restituite quando Trump ha conservato i documenti, almeno secondo i migliori archivisti.

L’e-mail precedentemente non divulgata, inviata circa 100 giorni dopo che l’ex presidente ha lasciato l’incarico e intitolata “Records of Assistant President for Help”, descrive anche numerosi tentativi da parte degli archivisti di recuperare documenti, inclusi materiali classificati, in un periodo di 18 mesi. È culminato con un raid dell’FBI questo mese al club Mar-a-Lago di Trump in Florida.

READ  Vincitori del Tony Award 2022: elenco in aggiornamento

Cipollone era un consigliere della Casa Bianca di Trump ed è stato nominato da Trump come uno dei suoi rappresentanti per gli archivi. Un portavoce di Cibolone ha rifiutato di commentare mercoledì.

Stern non ha detto nell’e-mail come ha stabilito che le scatole erano in possesso di Trump. Ha scritto di aver consultato anche un altro avvocato di Trump – senza fortuna – negli ultimi giorni della presidenza Trump. “Ho sollevato questa preoccupazione con Scott nelle ultime settimane”, scrive Stern nell’e-mail, riferendosi all’avvocato di Trump Scott Gast, che è stato copiato nell’e-mail.

Nell’e-mail, Stern chiede di nuovo i documenti.

Cast non ha risposto a una richiesta di commento. Un portavoce di Trump non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Gli archivi non hanno risposto a una richiesta di commento.

L’e-mail di Stern a tre avvocati di Trump a volte ha un tono quasi implorante. Cipollone non è stato copiato nell’e-mail, che è stata inviata a Gast e a due rappresentanti di Cipollone di lunga data.

Stern cita almeno due documenti di alto profilo mancanti all’epoca dagli archivi: lettere del leader nordcoreano Kim Jong Un e una lettera dell’ex presidente Barack Obama all’inizio della presidenza Trump.

“Sappiamo che le cose sono così caotiche perché sono sempre nel corso di un periodo di cambiamento”, ha scritto Stern. “… Ma è assolutamente indispensabile ottenere e rendere conto di tutti i record presidenziali”.

Stern non ha detto nell’e-mail cosa credono gli archivi fossero nelle scatole conservate nella residenza della Casa Bianca. Ma ha citato la corrispondenza tra Trump e Kim come esempio di materiale richiesto dall’ex presidente “poco prima della fine dell’amministrazione”.

READ  Inondazioni nel Kentucky: il governatore afferma che il bilancio delle vittime "potrebbe raddoppiare" poiché è difficile raggiungere le persone nelle aree colpite

Stern ha scritto: “Nel gennaio 2021, poco prima della fine dell’amministrazione, gli originali sono stati inseriti nel raccoglitore del presidente, ma i documenti per NARA non sono mai stati restituiti all’Office of Management”.

Per tutto l’autunno del 2021, Stern ha continuato a esortare diversi consiglieri di Trump ad aiutare a recuperare i documenti, con persone che hanno familiarità con le conversazioni che parlano in condizioni di anonimato per descrivere conversazioni private. Trump ha deciso di restituire alcuni dei documenti dopo che Stern ha detto ai funzionari di Trump che gli archivi avrebbero dovuto informare presto il Congresso, e Stern ha detto ai consiglieri di Trump che non voleva intensificare e informare il Congresso, queste persone.

Secondo un consigliere di Trump, “il suo messaggio era: ‘Dobbiamo riprenderci tutto.’

Trump ha successivamente restituito 15 scatole di documenti agli archivi all’inizio del 2022 e gli archivisti hanno esortato la squadra di Trump a continuare a cercare nel beach club. Ma dopo aver capito che le scatole restituite agli Archivi Nazionali contenevano centinaia di pagine di materiale riservato, hanno deferito la questione al Dipartimento di Giustizia.

Dopo lunghe interviste con gli assistenti di Trump, i funzionari dell’FBI hanno fatto irruzione a Mar-a-Lago l’8 agosto e hanno sequestrato altre 11 serie di documenti riservati dopo aver eseguito un mandato di perquisizione, aggiungendosi al grande volume di documenti governativi riservati recuperati dal club dell’ex presidente.

C’è un post riportato in precedenza Un’abitudine di vecchia data dell’ex presidente è quella di ritirarsi nella sua residenza privata alla Casa Bianca con una pila costante di documenti ufficiali. Nelle interviste con gli ex membri dello staff della Casa Bianca, hanno ricordato che su richiesta dell’allora presidente, scatole di oggetti non divulgati sono state inviate a casa dell’uomo imbalsamato di Trump.

READ  L'Inghilterra ha vinto il suo primo grande campionato femminile con una vittoria per 2-1 sulla Germania a Euro 2022

Trump e i suoi consiglieri hanno affermato che esiste un ordine di classificazione permanente per tutti i documenti portati a casa, ma diversi ex alti funzionari dell’amministrazione hanno affermato di non essere a conoscenza di tale ordine. E Trump si è lamentato con gli amici di non aver restituito i documenti perché sono sua proprietà personale e non appartengono al governo degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.