I viaggiatori si stanno affrettando per approfittare della riapertura della Cina

PECHINO (AP) – Dopo anni di separazione dalla moglie nella Cina continentale, Cheung Cheng-bun, residente a Hong Kong, si è assicurato di essere il primo della fila dopo la riapertura dei valichi di frontiera domenica.

La capacità di attraversare i residenti della città semi-autonoma della Cina meridionale è uno dei segni più visibili che la Cina ha allentato i controlli alle frontiere imposti quasi tre anni fa, con i viaggiatori provenienti dall’estero che non sono più tenuti a sottoporsi a una quarantena costosa e dispendiosa in termini di tempo. .

Arriva mentre il virus continua a diffondersi in Cina in mezzo a quella che i critici definiscono una mancanza di trasparenza da parte di Pechino.

“Sto tornando di corsa da lei”, ha detto Cheung all’Associated Press mentre preparava una valigia pesante e si preparava ad attraversare la stazione di Lok Ma Chau, che si riempiva costantemente di pendolari impazienti.

Tuttavia, coloro che attraversano Hong Kong e la Cina continentale dovranno comunque mostrare un test COVID-19 negativo effettuato nelle ultime 48 ore, cosa che la Cina ha protestato quando imposto da altri paesi.

Hong Kong è stata duramente colpita dal virus e i suoi posti di blocco alle frontiere terrestri e marittime sono stati chiusi per quasi tre anni. Nonostante il rischio di nuove infezioni, la riapertura, che consente a decine di migliaia di persone con prenotazione di attraversare ogni giorno, dovrebbe fornire una spinta tanto necessaria ai settori del turismo e della vendita al dettaglio di Hong Kong.

Durante una visita alla stazione domenica mattina, l’amministratore delegato di Hong Kong John Lee ha dichiarato che il numero di punti di attraversamento sarà ampliato dagli attuali sette a ben 14.

“L’obiettivo è tornare alla vita normale prima della pandemia il prima possibile”, ha detto Lee ai giornalisti. “Vogliamo rimettere in carreggiata la cooperazione tra le due parti”.

Si prevede che circa 200 passeggeri prenderanno il traghetto per Hong Kong, e altri 700 viaggeranno nella direzione opposta, secondo il quotidiano del Partito Comunista Global Times, citato da Dan Luming, un funzionario del porto di Shenzhen, che confina con Hong Kong. Giorno di riapertura. Tan ha affermato che nei prossimi giorni è previsto un costante aumento del numero di passeggeri.

READ  Tom Brady è il primo giocatore nella storia della NFL a superare 100.000 yard in carriera

“Sono rimasta sveglia tutta la notte e mi sono svegliata alle 4 del mattino. Sono così entusiasta di tornare sulla terraferma per vedere mia madre di 80 anni”, ha detto una donna di Hong Kong identificata solo dal suo cognome Cheung. Shenzhen, dove gli sono state consegnate “rose e kit sanitari”.

I media di Hong Kong riferiscono che sono già state effettuate circa 300.000 prenotazioni di viaggi dalla città alla Cina continentale, con una quota giornaliera di 60.000.

È stato ripristinato anche un servizio di traghetti limitato dalla provincia cinese del Fujian all’isola di Kinmen controllata da Taiwan, appena al largo della costa cinese.

I regolari valichi di frontiera con la Russia sono ripresi a Sufenhe, nella provincia settentrionale di Heilongjiang, proprio mentre iniziava il festival della neve nella capitale, Harbin, una grande attrazione turistica.

A Ruli, al confine con il Myanmar, le normali operazioni sono riprese dopo 1.012 giorni di chiusura totale o parziale in risposta ai ripetuti focolai sui visitatori provenienti dalla vicina Cina.

Finora, solo una frazione del numero precedente di voli internazionali sta arrivando nei principali aeroporti cinesi.

Il principale aeroporto internazionale della capitale di Pechino prevede otto voli dall’estero domenica. Shanghai, la città più grande della Cina, ha ricevuto il suo primo volo internazionale alle 6:30 in base alla nuova politica.

A partire da marzo 2020, tutti i voli passeggeri internazionali diretti a Pechino sono stati dirottati verso i primi punti di ingresso designati in Cina. I viaggiatori devono essere messi in quarantena per un massimo di tre settimane.

“Sono stato in quarantena sei volte in diverse città (nella Cina continentale)”, ha detto Ivan Tang, un viaggiatore d’affari di Hong Kong. “Non sono esperienze facili.”

READ  I coloni sono caduti vicino alla casa del vicepresidente in una fredda vigilia di Natale

Ming Guangge, un cinese che vive a Singapore, ha detto che è difficile prenotare i biglietti e trovare un posto dove fare il test PCR. Le misure di quarantena e l’incertezza sui focolai lo hanno tenuto lontano da casa, ha detto Ming.

Shanghai ha annunciato che riprenderà a rilasciare passaporti regolari ai cinesi per viaggi all’estero e viaggi di famiglia, nonché a rinnovare ed estendere i visti per gli stranieri. Tali restrizioni hanno avuto un effetto particolarmente devastante su uomini d’affari e studenti stranieri nei principali centri finanziari asiatici.

La Cina sta ora affrontando un aumento di casi e ricoveri Nelle principali città e la sua festa più importante, il capodanno lunare, è destinato a diffondersi ulteriormente nelle aree meno sviluppate quando inizierà nei prossimi giorni.

I funzionari affermano che i viaggi ferroviari e aerei nazionali dovrebbero raddoppiare rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, avvicinandosi ai numeri complessivi delle festività natalizie del 2019 prima della pandemia.

Nel frattempo, diversi governi stranieri stanno imponendo requisiti di test ai viaggiatori provenienti dalla Cina, più recentemente Germania, Svezia e Portogallo. Sabato, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbach ha esortato i cittadini a evitare viaggi “non necessari” in Cina, citando un aumento dei casi di coronavirus e il sistema sanitario cinese “sovraccarico”.

La normativa tedesca consente controlli a campione all’arrivo. La Germania, come altri paesi europei, testerà le acque reflue degli aeroplani per nuove varianti del virus. Le misure entreranno in vigore dalla mezzanotte di lunedì e dureranno fino al 7 aprile.

La Cina, apparentemente preoccupata per la sua reputazione, afferma che i requisiti dei test non sono scientificamente fondati e minaccia contromisure non specificate.

I funzionari sanitari cinesi pubblicano numeri giornalieri di nuove infezioni, casi gravi e decessi, ma tali numeri includono solo casi ufficialmente confermati e utilizzano una definizione molto ristretta di decessi correlati a COVID-19.

READ  Elon Musk parla al CEO di Twitter degli avvocati prima del ritiro dell'accordo: Report

Domenica la National Health Commission ha registrato 7.072 nuovi casi confermati di trasmissione locale e due nuovi decessi, con singole province che segnalano 1 milione di casi al giorno.

I funzionari affermano di non essere più in grado di fornire il quadro completo dell’epidemia poiché il governo pone fine ai test obbligatori e consente alle persone con sintomi lievi di eseguire l’autotest e riprendersi a casa. I rischi della Cina sono esacerbati dalla generale mancanza di esposizione al virus nella popolazione e da tassi di vaccinazione relativamente bassi tra gli anziani.

I portavoce del governo insistono sul fatto che la situazione è sotto controllo e respingono le accuse dell’Organizzazione mondiale della sanità e di altri di non essere stata trasparente sull’epidemia, che potrebbe portare all’emergere di nuove varianti.

Sabato la commissione sanitaria ha emanato regolamenti per una maggiore sorveglianza delle mutazioni virali, compresi i test delle acque reflue urbane. Le regole richiedevano la raccolta di dati dagli ospedali e dai dipartimenti sanitari del governo locale e test intensivi per “polmonite da causa sconosciuta”.

Le critiche si sono spesso concentrate sull’applicazione draconiana delle restrizioni, comprese le restrizioni di viaggio a tempo indeterminato che hanno tenuto le persone confinate nelle loro case per settimane, a volte senza cibo o cure mediche adeguate.

È stata anche espressa rabbia per la richiesta che coloro che risultano positivi o che sono stati in contatto con una persona del genere siano monitorati in un ospedale da campo, dove vengono comunemente citati sovraffollamento, cibo scadente e servizi igienici.

I costi sociali ed economici alla fine hanno alimentato rare proteste di piazza a Pechino e in altre città, che potrebbero influenzare la decisione del Partito Comunista di allentare rapidamente misure severe.

___

I giornalisti dell’Associated Press Alice Fung e Carmen Li a Hong Kong, Frank Jordans, Olivia Zhang, Wayne Zhang a Berlino e Henry Hu a Pechino hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.