Il ministro degli Esteri di Taiwan afferma che la Cina sta eseguendo parte di un piano di aggressione

TAIPEI, 9 ago (Reuters) – Il ministro degli Esteri di Taiwan ha dichiarato martedì che le esercitazioni militari cinesi per protestare contro la visita della presidente degli Stati Uniti Nancy Pelosi erano un piano in preparazione per un’invasione dell’isola autogovernata.

Joseph Wu, parlando in una conferenza stampa a Taipei, non ha fornito un calendario per una possibile invasione di Taiwan, che la Cina sostiene sia la sua.

Ha detto che Taiwan non si farebbe intimidire dalle esercitazioni in corso, poiché la Cina viola spesso la linea di demarcazione non ufficiale nello Stretto di Taiwan.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“La Cina ha utilizzato le esercitazioni nel suo playbook militare per prepararsi all’invasione di Taiwan”, ha detto Wu.

“Ha condotto esercitazioni militari su larga scala e lanci di missili, attacchi informatici, disinformazione e coercizione economica nel tentativo di indebolire il morale pubblico a Taiwan.

“Dopo che le esercitazioni saranno terminate, la Cina potrebbe tentare di regolarizzare le sue operazioni nel tentativo di cancellare lo status quo a lungo termine attraverso lo Stretto di Taiwan”, ha detto Wu.

Tali mosse hanno minacciato la sicurezza regionale e hanno fornito “un quadro più chiaro delle ambizioni geostrategiche della Cina al di là di Taiwan”, sollecitando un maggiore sostegno internazionale per impedire alla Cina di controllare efficacemente lo stretto.

Un funzionario del Pentagono ha dichiarato lunedì che Washington si attiene alla sua valutazione secondo cui la Cina non tenterà di invadere Taiwan per i prossimi due anni. leggi di più

Wu ha parlato mentre le tensioni militari si sono allentate dopo la prevista fine domenica di quattro giorni di massicce esercitazioni cinesi intorno all’isola.

READ  I prezzi del gas sono scesi sotto i 4 dollari al gallone per la prima volta da mesi

L’Eastern Theatre Command cinese ha annunciato lunedì che condurrà nuove esercitazioni congiunte incentrate su operazioni di attacco anti-sottomarino e marittimo, confermando i timori di alcuni analisti e diplomatici della difesa che Pechino continuerà a rafforzare la sua presa sulle difese di Taiwan.

Una persona che ha familiarità con la pianificazione della difesa nell’area intorno a Taiwan ha descritto a Reuters martedì un continuo “stallo” attorno alla linea di demarcazione che coinvolge 10 navi da guerra ciascuna dalla Cina e da Taiwan.

“La Cina ha continuato a cercare di entrare nella linea di controllo”, ha detto la persona. Le forze taiwanesi stanno cercando di mantenere aperte le vie navigabili internazionali.

Da quando Pelosi ha lasciato la regione venerdì scorso, la Cina ha abbandonato alcune linee di comunicazione con gli Stati Uniti, inclusi colloqui militari a livello di teatro e discussioni sui cambiamenti climatici.

Taiwan ha iniziato martedì le proprie esercitazioni pianificate da tempo, sparando cannoni obici in mare nel distretto meridionale di Pingtung.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, nei suoi primi commenti pubblici sulla questione dalla visita di Pelosi, ha dichiarato lunedì di essere preoccupato per le azioni della Cina nella regione ma non per Taiwan. leggi di più

“Sono preoccupato che si stiano muovendo così lontano”, ha detto Biden ai giornalisti nel Delaware, riferendosi alla Cina. “Ma non credo che faranno qualcosa di più di loro.”

L’assistente del segretario alla Difesa per la politica Colin Call ha anche affermato che l’esercito americano continuerà a condurre crociere attraverso lo stretto di Taiwan nelle prossime settimane.

La Cina non ha mai escluso di occupare Taiwan con la forza, ha affermato lunedì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, aggiungendo che la Cina conduce normali esercitazioni militari “nelle nostre acque” in modo aperto, trasparente e professionale, aggiungendo che Taiwan fa parte della Cina.

READ  Salman Rushdie è ancora ricoverato in ospedale poiché il sospetto dell'attacco è innocente

Taiwan rifiuta la pretesa di sovranità della Cina, dicendo che solo il popolo taiwanese può decidere il futuro dell’isola.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reporting di Sarah Wu e Yimo Lee a Taipei; Scritto da Greg Dorodt, Fotografia di Raju Gopalakrishnan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.