Il Nasdaq cade mentre il tentativo di Wall Street di rimbalzare tra i timori di una recessione indotta dalla Fed

Giovedì le azioni statunitensi sono scese negli scambi quando gli investitori hanno valutato una serie di rapporti economici che dipingevano un quadro oscuro dell’economia statunitense.

Il Nasdaq Composite è sceso dello 0,5%, mentre l’S&P 500 è sceso dello 0,3%. Il Dow Jones Industrial Average è andato meglio, aggiungendo 48 punti, o meno dello 0,2%.

Le azioni di Adobe hanno pesato sul Nasdaq e sull’S&P 500. Le azioni del software sono diminuite del 15% dopo l’annuncio della società. Accordo da 20 miliardi di dollari per l’acquisto di Figma.

I titoli finanziari sono stati i migliori risultati, con Goldman Sachs e JP Morgan che sono aumentati ciascuno di oltre il 2%. Il gruppo UnitedHealth è cresciuto di oltre il 3%. I titoli energetici sono stati tuttavia sotto pressione, con la Chevron in calo dell’1,5%.

Giovedì, Richieste di disoccupazione iniziali È arrivato meglio del previsto, ma i prezzi all’importazione hanno registrato un calo minore di quanto suggerito. Vendite al dettaglio Batte le aspettative, ma negativo ad eccezione delle auto. I dati sulla produzione hanno anche mostrato che l’economia era fiacca. Sebbene questi rapporti suggeriscano che il settore dei consumi negli Stati Uniti stia ora reggendo la propria posizione, fanno ben poco per alleviare le preoccupazioni sull’inflazione persistente.

Wall Street sta uscendo da una sessione tumultuosa in cui le medie maggiori hanno registrato guadagni modesti, ma poco è stato compensato dal massiccio sell-off di martedì. Wall Street sta ancora cercando di trovare la sua posizione dopo un’impennata a sorpresa ad agosto Rapporto sull’indice dei prezzi al consumo Ciò ha innescato un calo di oltre 1.200 punti per il Dow martedì.

READ  Dow Jones Futures: cosa fare quando il rally del mercato si ritira; Warren Buffett fa esplodere la base

L’inflazione ostinatamente alta ha portato gli investitori a temere che la Federal Reserve sarà più aggressiva con i suoi aumenti dei tassi, aumentando le probabilità di una recessione negli Stati Uniti.

“La banca centrale deve scegliere il loro veleno. Stai perseguendo in modo aggressivo l’inflazione a rischio di recessione, a rischio di aumento della disoccupazione? È davvero un dilemma, ma penso che dobbiamo concentrarci su ciò che abbiamo sentito dalla centrale banca. È sull’inflazione”, ha affermato Mike Lowengard, capo della costruzione di portafogli di modelli di Morgan Stanley.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.