Il rapporto sulle consegne di Tesla (TSLA) nel primo trimestre del 2024 mostra un calo dell'8,5%.

La produzione di veicoli è scesa dell’1,7% su base annua e del 12,5% su base sequenziale per Tesla.

Le azioni sono scese di circa il 6,5%.

Tesla non ha suddiviso le vendite per modello, ma ha riferito di aver prodotto 412.376 auto Model 3/Y e di averne consegnate 369.783. Ha prodotto 20.995 degli altri modelli e ne ha consegnati 17.027.

Nello stesso periodo dell’anno scorso, il produttore di veicoli elettrici ha registrato 422.875 consegne e 440.808 veicoli prodotti. Nel quarto trimestre del 2023, Tesla ha registrato 484.507 consegne e 494.989 veicoli prodotti.

Le consegne sono una buona approssimazione delle vendite riportate da Tesla, ma non sono definite con precisione nelle comunicazioni agli azionisti della società.

Le consegne di Tesla sono scese al di sotto della stima più bassa degli analisti.

Gli analisti si aspettavano circa 457.000 consegne nel periodo terminato il 31 marzo, secondo 11 stime compilate da FactSet. Le stime variavano da un massimo di 511.000 consegne a un minimo di 414.000 nel primo trimestre, con stime aggiornate da marzo da 414.000 a 469.000 consegne.

Troy Teslake, un ricercatore indipendente del settore automobilistico seguito da vicino dai fan di Tesla, prevedeva circa 409.000 consegne.

Martin Weicha, responsabile delle relazioni con gli investitori di Tesla, ha inviato durante il fine settimana un consenso compilato dalla società sulla base delle valutazioni di 30 analisti per selezionare gli investitori. Secondo un sondaggio condotto dalla CNBC, gli analisti si aspettavano una media di 443.027 consegne e una media di 431.125 consegne per il trimestre.

Tesla ha dovuto affrontare diverse sfide nel primo trimestre.

READ  Miracolo di Sin City: i Raiders rompono il pareggio con il touchdown difensivo dell'ultima partita per stordire i Patriots 30-24

“Il calo dei volumi è dovuto alla fase iniziale di calo della produzione per la Model 3 rinnovata presso la nostra fabbrica di Fremont e alle chiusure degli stabilimenti derivanti dai conflitti del Mar Rosso e alle deviazioni delle spedizioni a causa dell'incendio alla Gigafactory di Berlino”, ha affermato Tesla. Rapporto.

Gli attacchi dei combattenti Houthi contro le navi nel Mar Rosso hanno interrotto la fornitura di componenti di Tesla e interrotto temporaneamente la produzione nella sua fabbrica tedesca fuori Berlino a gennaio. A marzo, gli ambientalisti hanno appiccato il fuoco alle infrastrutture vicino alla stessa fabbrica, privando Tesla di sufficiente potenza operativa e fermando nuovamente la produzione.

In Cina, Tesla ha dovuto affrontare l’assalto della concorrenza da parte dei produttori nazionali di veicoli elettrici, tra cui BYD, e di nuove società come il produttore di telefoni Xiaomi. Dopo il ristagno delle vendite delle sue auto prodotte in Cina nei mesi di gennaio e febbraio, Tesla ha ridotto la produzione delle sue Model 3 e Model Y nello stabilimento di Shanghai e ha tagliato gli orari dei lavoratori da sei giorni e mezzo a settimana a cinque.

Negli Stati Uniti, le recensioni sono state contrastanti per il nuovo modello di Tesla – un pick-up angolare chiamato Cybertruck – che il produttore di veicoli elettrici ha iniziato a vendere in piccole quantità nel dicembre dello scorso anno.

Una serie di sconti e incentivi furono per Tesla meno efficaci che in passato.

Negli ultimi giorni del primo trimestre, il CEO di Tesla Elon Musk ha ordinato a tutti i dipendenti delle vendite e dell'assistenza di installare e provare una nuova versione del sistema premium di assistenza alla guida dell'azienda ai clienti del Nord America prima di consegnare le loro auto. Il sistema è commercializzato come completamente autonomo ma non rende autonome le auto Tesla. Hanno bisogno di un uomo al volante, pronto a partire o a frenare in qualsiasi momento.

READ  Documenti riservati di Trump: gli avvocati chiedono l'archiviazione del caso

Le azioni di Tesla sono scese del 29% nel primo trimestre, il calo più grande dalla fine del 2022 e il terzo calo trimestrale più ripido dall’IPO della società nel 2010.

La società prevede una riunione degli utili il 23 aprile per discutere i risultati trimestrali.

Vedere: Tesla entra in “situazione da codice rosso”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *