Immagini del telescopio James Webb: notizie e aggiornamenti in tempo reale

debito…Per il New York Times, Michael A. McCoy

Martedì mattina, Una nuova visione della Nebulosa Carina È stato rilasciato pubblicamente insieme ad altre nuove osservazioni dal telescopio spaziale James Webb. Ma ha debuttato in precedenza un altro martedì mattina – questo giugno, quando un piccolo gruppo si è riunito davanti a tazze di caffè e ha tenuto diversi incontri mattutini per acquisire, elaborare e riconfezionare per il consumo pubblico l’ultimo e il più grande dei bulbi oculari dell’umanità – quando i membri del team hanno firmato per la prima volta accordi di riservatezza Quindi, assicurarsi che non ci siano perdite in anticipo.

Il lavoro del team era una combinazione di scienza volante, pubbliche relazioni e gestione del marchio: conquistare tutti, mostrare ai responsabili politici a cosa servivano quegli stanziamenti di finanziamento e rassicurare il resto del mondo scientifico sul fatto che, sì, erano i migliori dell’universo. I segreti sfuggenti possono tornare utili per molto tempo.

Il pioniere del nuovo telescopio, Hubble, ha sottolineato la posta in gioco. Le immagini First Look di Hubble hanno chiarito che il suo specchio era difettoso. Ma dopo una riparazione riuscita, gli scienziati che hanno lavorato su Hubble hanno tirato fuori foto sbalorditive e protovirali di galassie e nebulose.pilastri della creazione,” ispira innumerevoli carriere nel campo della scienza. (Il mio includeva: prima di diventare un giornalista scientifico, ho trascorso due anni come analista di dati per Hubble, che ha anche lasciato lo Space Telescope Science Institute.)

READ  Biden firma un ordine esecutivo a sostegno dei diritti di aborto

Ma il James Webb è un’altra bestia completamente, così unica e avanzata nelle sue capacità che anche gli astronomi più esperti hanno poca idea di cosa aspettarsi dalle immagini che produrrà. Questo perché il web opera a lunghezze d’onda dell’infrarosso.

La visualizzazione di queste cose richiede una tavolozza di colori e uno stile unici. La NASA voleva iniziare a rilasciare le prime immagini entro sei settimane dalla messa in linea del telescopio. Anche se fissare l’abisso del valore cosmico per settimane ha i suoi vantaggi, il cono di silenzio che circonda il progetto può rivelarsi solitario.

Ad esempio, all’inizio di giugno, l’astronomo Klaus Pontopitan, che guida questo team di lancio iniziale, è stata la prima persona a scaricare una visione completa del “campo profondo” del nuovo telescopio.

“Mi sono seduto lì e l’ho fissato per due ore, e poi ho voluto condividerlo con qualcuno”, ha detto. “Ma non potevo.”

Nel 2016, un team si è riunito per selezionare i primi obiettivi demo del Web. In definitiva, questo processo ha suggerito 70 potenziali obiettivi.

Quando il telescopio è entrato in funzione questo inverno, hanno perfezionato l’elenco delle regioni del cielo che potevano essere indicate entro un periodo di sei settimane e ne hanno tenute alcune di riserva per anticipare i prossimi mesi.

Poi, finalmente, finalmente, i risultati preliminari ai primi di giugno del Dr. Da lì, il team ha composto digitalmente i fotogrammi grezzi in esposizioni profonde e levigate e quindi li ha inviati ai processori di immagini per il rendering del colore.

“Mi sono sentito sopraffatto”, ha detto Joe DePasquale, il principale processore di immagini del progetto, descrivendo come ci si sente a vedere una scena di un’altra nebulosa di formazione stellare riunirsi: un effetto di luci e ombre molto Carvaggio-esco che non era incluso nella serie iniziale di rilasci. Ha detto che questo è progettato per attirare i cuori delle persone. (Fiducioso.)

READ  Esclusivo: Sentendosi "molto male" per l'economia, Musk vuole tagliare il 10% dei posti di lavoro di Tesla

C’è qualcosa che atterra forte come i colpi dell’Apollo? O le immagini di Hubble intonacate sui muri delle aule di scienze e imitate da tutti, da Terrence Malick ai film di “Thor”? Vedremo. Ma per ora, almeno, il rubinetto è aperto e l’universo si sta riversando.

Correzione:

12 luglio 2022

A causa di un errore di modifica, una versione precedente di questo articolo ha sbagliato a scrivere il cognome dell’imager di Web Telescope. Lui è Joe DePasquale, non Despaquale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.