Impianto di climatizzazione Toshiba per acqua Lauretana

Nel recupero di un’area tecnica a reparto produttivo, l’azienda Lauretana Spa che imbottiglia acqua minerale nel biellese, ha scelto Toshiba per assicurare al personale addetto alla produzione il comfort termico adeguato per tutto il periodo dell’anno.

Il sito produttivo si trova a Graglia, in provincia di Biella, nella sede storica dell’azienda Lauretana, in Frazione Campiglie. Per l’intervento è stato previsto un impianto per la climatizzazione estiva e invernale e per il ricambio dell’aria per chi lavora al controllo del processo produttivo, in prossimità delle macchine per il soffiaggio per preformare le bottiglie di PET (polietilentereftalato), per il riempimento, per la chiusura con tappo, per l’etichettatura e il confezionamento delle bottiglie d’acqua minerale.

L’acqua minerale Lauretana viene imbottigliata a poca distanza dalla sorgente e per far sì che l’acqua possa arrivare sulla tavola come sgorga dalla fonte, senza trattamento né forzatura, quindi il ciclo produttivo è legato al meteo. Nei mesi invernali, quando piove poco e le temperature troppo basse corrono il rischio di gelare le acque, i ritmi di produzione rallentano. Oggi tutte le linee di produzione sono completamente rinnovate e di ultima generazione, con sistemi di controllo igienici all’avanguardia.

L’impianto Toshiba, progettato dallo studio Area Ingegneria di Pinerolo e installato da Cisam srl, è un sistema per la climatizzazione in pompa di calore con unità di trattamento aria ad espansione diretta, per ciascun locale (due piani, il piano terra e il primo piano) e distribuzione dell’aria con canali in lamiera zincata microforata, con aria esterna di ricambio, consentendo di mantenere i reparti in sovrappressione rispetto all’esterno e agli altri ambienti dello stabilimento. La scelta è andata al prodotto VRF SMMSe con il posizionamento di due gruppi esterni in pompa di calore (posizionati su un terrazzo esterno che si trova a livello intermedio tra i due piani).

I Gruppi di unità esterne VRF SMMSe, uno per ciascun reparto, sono costituiti da tre moduli 20HP+20HP+16HP con potenza termica da 176 kW e potenza frigorifera da 157 kW. All’interno di ciascun reparto sono state posizionate sei unità interne canalizzabili, staffate a soffitto con potenza frigorifera di 28 kW, potenza termica di 31.5 kW e portata aria da 3360 a 5040 m3/h.

Le sei unità sono canalizzate con canali circolari microforati, complete di griglie di ripresa dell’aria in corrispondenza delle singole unità e griglia di presa aria esterna. Sia nella stagione estiva che invernale, il sistema VRF SMMSe fornisce il raffrescamento e il riscaldamento necessario a mantenere la temperatura ideale e le unità SMMSe vantano prestazioni al vertice della propria categoria (COP a -7°C fino a 6,44 e 6,20 rispettivamente al 50% e 30% del carico e a -10°C fino a 4,92 e 4,75); valori tanto elevati da rendere queste unità insuperabili per efficienza energetica. Questi sistemi sono progettati per funzionare anche in condizioni esterne difficili: fino a -25°C in modalità riscaldamento e fino a +46°C in modalità raffrescamento ed assicurare elevati rendimenti anche in queste estreme condizioni operative, dimostrando di avere una tecnologia davvero insuperabile.

www.toshibaclima.it

LASCIA UN COMMENTO