La base russa abbandonata in Ucraina nasconde segreti per ritirarsi

Una vittoria di misura

Il 19 luglio, quattro mesi dopo la presa del territorio, gli occupanti russi hanno affrontato la loro prima seria sfida da parte delle forze armate ucraine, secondo i documenti esaminati da Reuters.

Al consueto incontro mattutino nel bunker, i rapporti presentati al comandante, colonnello Bobo, erano normali: la notte precedente era stata relativamente tranquilla e le posizioni nemiche erano rimaste invariate. All’ordine del giorno della giornata: programmato fuoco di artiglieria sulle postazioni ucraine.

Ma più tardi nel pomeriggio, una colonna di soldati ucraini, sotto la copertura dei carri armati e del fuoco dell’artiglieria, ha attaccato la prima linea russa a Hrako, un villaggio al confine nord-occidentale del territorio controllato dalle forze di Balaklia.

Le truppe del 9° reggimento fucilieri motorizzati della Russia sono rinchiuse in una gru di cemento a Hrakov. Hanno posizionato le pistole nella parte superiore della struttura. Un giornalista di Reuters che ha visitato la struttura in ottobre ha trovato segni di uomini che dormivano su nastri trasportatori di grano.

Alle 15:00, un russo senza nome in prima linea a Hrako ha inviato via radio i suoi comandanti in Balaklia: la sua posizione era stata violata e ha dovuto ritirarsi. Ha chiesto attacchi di artiglieria per distruggere il posto abbandonato. Quindi la connessione è stata persa.

Nel bunker di Balaklia, un anonimo ufficiale di stato maggiore ha scritto nel suo taccuino: “Ho finito le bombe”.

Il comandante del distretto militare occidentale, uno degli ufficiali più anziani della Russia, ha chiesto una spiegazione della situazione e “ha ordinato che Hrakove non si arrendesse”, affermano ulteriori note. Secondo i documenti ufficiali, il comandante dell’epoca era il colonnello generale Alexander Zhuravlyov, poi rimosso da Putin. Tuttavia, Zhuravlyo è stato sostituito dal tenente generale Andrei Chichevoi entro luglio, ha affermato l’analista militare russo indipendente CIT. La Reuters non è riuscita a raggiungere Juravilo. Sychevoi non ha risposto a una richiesta di commento.

READ  L'estrazione del jackpot Powerball da 1,9 miliardi di dollari di lunedì sera è stata ritardata a causa di un problema tecnico

Nelle ore successive, i comandanti russi hanno inviato rinforzi e mobilitato elicotteri d’attacco. Entro le 18:00, gli ucraini si ritirarono e le forze russe riguadagnarono il terreno perduto. Ma il costo era alto. I russi hanno perso un carro armato, due mezzi corazzati per il trasporto di personale e altre attrezzature. Secondo un rapporto a Bobo il 21 luglio, trentanove uomini sono rimasti feriti, sette morti e 17 dispersi.

Tra i morti russi c’era il caporale Alexander Yevseliev, un comandante di carri armati. Un elenco delle vittime all’interno del bunker di comando affermava che il suo addome era stato squarciato, esponendo il suo intestino, e che aveva ferite lievi sulla parte superiore della coscia destra. I suoi genitori, contattati da Reuters, hanno detto che il loro figlio è stato gravemente ferito quando la sua posizione vicino a Hrakov ha preso fuoco da un elicottero ucraino.

Dopo la guerra, cinque soldati hanno avuto bisogno di cure per “reazioni acute da stress”. Accanto a ciascuno dei loro nomi nel registro medico c’era scritto: “Evacuazione non richiesta”.

Un soldato sulla ventina è stato riportato come ferito da esplosione. Contattato da Reuters, l’uomo ha detto di ricordare poco, aggiungendo: “La lotta è stata feroce”. Ha parlato a condizione di anonimato.

Dopo la battaglia, il colonnello Popov ha presentato una petizione ai suoi superiori per assegnare medaglie al loro coraggio a 34 dei suoi subordinati. I documenti non descrivono come hanno risposto i suoi superiori. Due dei soldati hanno detto a Reuters di non aver ancora ricevuto i premi.

Pyotr Kalinin, un comandante di 25 anni di uno squadrone di ricognizione, era sulla lista di Bobo. Kalinin viene dalla Crimea e ha servito come cadetto nelle forze armate ucraine prima che la Russia annettesse la penisola nel 2014, secondo i suoi social media. Una foto lo mostra in uniforme ucraina. Kalinin non ha risposto alle richieste di commento di Reuters.

READ  Carolyn Ellison e Gary Wang: il co-fondatore di FTX ed ex capo dell'hedge fund Alameda Research si è dichiarato colpevole di molteplici accuse, collaborando con Feed
Pyotr Kalinin, il comandante del reggimento russo, aveva precedentemente servito come cadetto nell’esercito dell’Ucraina. Questa foto è stata presa dal suo account sui social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.