La Cina ha imposto restrizioni al traffico in Giappone, Corea del Sud poiché il punto covid è in aumento

  • Nuovi divieti per i cittadini della Corea del Sud e del Giappone che entrano in Cina
  • La Cina afferma che la sospensione del visto per la Corea del Sud e il Giappone sono “ragionevoli”.
  • L’escalation dei conflitti diplomatici complicherà le relazioni economiche
  • Gli utenti dei social media si scagliano contro le “vergognose” restrizioni Covid della Corea del Sud

PECHINO, 11 gennaio (Reuters) – La Cina ha introdotto mercoledì i divieti di viaggio per i cittadini sudcoreani e giapponesi, a seguito dell’escalation della lite diplomatica sulle restrizioni del Covid-19 che hanno ostacolato la riapertura della seconda economia mondiale dopo tre anni. Solitudine.

Domenica la Cina ha revocato gli ordini di quarantena per i viaggiatori in arrivo, uno degli ultimi segni delle restrizioni COVID più severe al mondo, che Pechino ha iniziato a revocare bruscamente all’inizio di dicembre dopo le proteste storiche.

Ma le preoccupazioni per la portata e l’impatto dell’epidemia in Cina, dove il virus si sta diffondendo senza controllo, hanno spinto più di una dozzina di paesi a richiedere risultati negativi del test COVID da persone che arrivano dalla Cina.

Tra questi, anche la Corea del Sud e il Giappone hanno voli limitati e richiedono controlli all’arrivo, con i passeggeri inviati in quarantena che risultano positivi. In Corea del Sud, la quarantena viene effettuata a proprie spese.

In risposta, le ambasciate cinesi a Seoul e Tokyo hanno dichiarato martedì di aver interrotto il rilascio di visti a breve termine ai viaggiatori per la Cina, dopo che il ministero degli Esteri ha definito i requisiti dei test “discriminatori”.

Ciò ha provocato una protesta ufficiale dal Giappone alla Cina, mentre il ministro degli Esteri sudcoreano Park Jin-Seol ha affermato che la decisione si basava su prove scientifiche e non era di parte e che le contromisure della Cina erano “profondamente deplorevoli”.

READ  Cowboy vs. I Giants segnano, da asporto: CeeDee Lamb, Ezekiel Elliott chiave nel secondo tempo di Dallas grazie ai ringraziamenti

In segno di crescenti tensioni mercoledì, l’autorità cinese per l’immigrazione ha sospeso le esenzioni dal visto di transito per sudcoreani e giapponesi.

Il battibecco potrebbe incidere anche sui rapporti economici tra i tre vicini.

L’operatore di supermercati giapponese Isetan Mitsukoshi Holdings Ltd (3099.D) e l’operatore di supermercati Aeon Co (8267.D) A seconda della durata della sospensione, ha affermato, potrebbero dover riconsiderare il trasferimento del personale in Cina.

“Non possiamo fare viaggi di lavoro a breve termine, ma tali viaggi sono diminuiti comunque durante COVID, quindi non ci aspettiamo un impatto immediato. Ma se la situazione persiste a lungo, ci sarà un impatto”, ha affermato uno. Il chip sudcoreano ha rifiutato di identificare la fonte del settore, affermando che la persona non era autorizzata a parlare con i media.

La Cina richiede risultati di test negativi ai visitatori di tutti i paesi.

Contare i morti

Alcuni governi che hanno annunciato restrizioni ai viaggiatori provenienti dalla Cina hanno citato le preoccupazioni di Pechino sulla trasparenza dei dati.

L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che la Cina sta sottovalutando le morti.

Le autorità sanitarie cinesi hanno segnalato cinque o meno morti al giorno nell’ultimo mese, in contrasto con le lunghe file viste ai funerali. Per la prima volta, martedì non hanno riportato i dati sulla morte di COVID.

I Centri cinesi per il controllo e la prevenzione delle malattie e la Commissione sanitaria nazionale non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Liang Wannian, capo del gruppo di esperti COVID sotto la National Health Commission, ha detto ai giornalisti che i decessi possono essere contati con precisione solo dopo che l’epidemia è finita, senza specificare se la segnalazione giornaliera è stata interrotta.

READ  Notifiche in tempo reale sugli aumenti tariffari previsti

Wang Guiqiang, capo del Dipartimento di malattie infettive del Primo Ospedale dell’Università di Pechino, ha dichiarato alla stessa conferenza stampa che la Cina alla fine dovrà esaminare le morti in eccesso e determinare le cifre sulla mortalità.

Sebbene gli esperti sanitari internazionali prevedano almeno un milione di decessi correlati a Covid quest’anno, la Cina ne ha segnalati più di 5.000 dall’inizio della pandemia, una frazione di quanto riportato da altri paesi quando hanno riaperto.

La Cina afferma di essere trasparente con i suoi dati.

L’ondata di Covid ha già superato il suo apice nelle province di Henan, Jiangsu, Zhejiang, Guangdong, Sichuan e Hainan, nonché nelle principali città di Pechino e Chongqing, che ospitano oltre 500 milioni di persone, hanno affermato i media statali.

‘insulto’

Mercoledì, i media statali cinesi hanno dedicato un’ampia copertura a quelle che hanno definito regole di confine “discriminatorie” in Corea del Sud e Giappone.

Il tabloid nazionalista Global Times ha difeso la risposta di Pechino come “una risposta diretta e giustificata per proteggere i propri interessi legittimi, soprattutto perché alcuni paesi continuano a intensificare la situazione pandemica della Cina imponendo restrizioni di viaggio per manipolazione politica”.

La rabbia dei social media cinesi era principalmente rivolta alla Corea del Sud, le cui misure di confine sono state dure nei confronti dei paesi che hanno annunciato le nuove regole.

I video che circolano online mostrano percorsi speciali coordinati da soldati in uniforme per gli arrivi aeroportuali dalla Cina, con passeggeri dotati di cordini gialli con codici QR per elaborare i risultati dei test.

Un utente su Weibo, simile a Twitter, ha affermato che individuare i viaggiatori cinesi è “vergognoso” e simile a “essere trattati come criminali e sfilare per le strade”.

READ  Cosa fanno con gli alberi di Natale dopo Natale? Il loro aldilà

La spesa annuale dei turisti cinesi all’estero ha raggiunto i 250 miliardi di dollari prima della pandemia, con la Corea del Sud e il Giappone come principali destinazioni per lo shopping.

Ripetuti blocchi hanno colpito l’economia cinese da 17 trilioni di dollari. La Banca mondiale stima che la sua crescita nel 2022 scenderà al 2,7%, il secondo ritmo più lento dalla metà degli anni ’70 dopo il 2020.

Prevede il 4,3% nel 2023, ma è inferiore di 0,9 punti percentuali rispetto alle previsioni di giugno a causa della gravità delle interruzioni del Covid e dell’indebolimento della domanda esterna.

($ 1 = 6,7666 Yuan Renminbi cinesi)

Segnalazione aggiuntiva da Beijing Newsroom; Kaori Kaneko, Mari Shiraki ed Elaine sono a Tokyo; Di Marius Zaharia a Seoul di Joyce Lee, Hyunsu Yim e Heekyong Yang; Montaggio di Gerry Doyle e Kim Coghill

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.