La Corte Suprema esaminerà se il piano di condono del prestito studentesco di Biden sia legale

Commento

Lo ha annunciato giovedì la Corte Suprema Revisione accelerata La legalità del piano del presidente Biden di cancellare il debito del prestito studentesco federale per milioni di mutuatari e condurre discussioni orali a febbraio.

I tribunali di grado inferiore hanno sospeso il piano, che secondo l’amministrazione era giustificato da problemi di rimborso aggravati dalla pandemia. L’amministrazione Biden ha chiesto ai giudici di lasciarla andare avanti mentre le controversie legali continuano o di affrontare la questione da soli. È stato di recente Prolungò la pausa Per dare all’Alta Corte il tempo di agire sui rimborsi del debito federale in scadenza alla fine dell’anno.

Il progetto sarà sospeso come tribunale Azione differita Su richiesta della direzione per ripristinarlo.

Il procuratore generale del Nebraska Doug Peterson (R), uno dei funzionari che hanno citato in giudizio l’amministrazione, ha elogiato la decisione dell’alta corte di occuparsi del caso.

“Il tentativo del presidente di cancellare i prestiti studenteschi per la maggior parte dei mutuatari va oltre la sua autorità legale. E sposta ingiustamente più di 430 miliardi di dollari di oneri economici da coloro che hanno beneficiato di quei soldi a coloro che non ne hanno beneficiato”, ha affermato in una nota. “Siamo fermamente contrari allo sfruttamento politico del nostro programma di prestito studentesco da parte del presidente poco prima delle elezioni”.

L’amministrazione Biden ha anche affermato di aver accolto con favore la decisione del tribunale di esaminare il caso.

“Questo programma è essenziale per gli oltre 40 milioni di americani ammissibili che lottano sotto il peso del debito studentesco per riprendersi dalla pandemia e andare avanti nella loro vita”, ha dichiarato in una nota l’addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. “Il piano è legale grazie ad un’attenta analisi da parte degli avvocati dell’amministrazione”.

READ  Brett Kerley ha vinto medaglie americane nei 100 metri.

Il Piano Biden Cancellazione fino a $ 20.000 in prestiti studenteschi federali Prestiti a oltre 40 milioni di mutuatari. La Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’8° Circuito ha accettato la richiesta di una coalizione di sei stati a guida repubblicana di imporre un divieto a livello nazionale del programma a causa di un contenzioso in corso.

In un caso separato, un giudice federale in Texas il 10 novembre dichiarato Programma di perdono Illegale. Mercoledì dalla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il 5° Circuito Negato una richiesta Dalla magistratura di sospendere la decisione in attesa che il giudice esamini nel merito il ricorso dell’amministrazione.

Un’altra corte d’appello ha respinto l’offerta di Biden di rinnovare la riduzione del prestito studentesco

Le battaglie legali hanno paralizzato milioni di mutuatari di prestiti studenteschi. Più della metà degli aventi diritto aveva presentato domanda per il programma di amnistia e il Dipartimento dell’Istruzione aveva approvato circa 16 milioni di domande prima che i tribunali lo interrompessero. Nonostante il divieto del progetto, il dipartimento ha recentemente informato le persone che le loro domande sono state approvate, assicurando loro che l’amministrazione rinuncerà al debito se vinceranno in tribunale.

Il Schema di alleggerimento del debito Fino a $ 10.000 in prestiti studenteschi federali possono essere cancellati per i mutuatari che guadagnano fino a $ 125.000 all’anno o fino a $ 250.000 per le coppie sposate. coloro che hanno ricevuto Bell concede Altri $ 10.000 possono essere perdonati.

La questione arriva davanti alla Corte, che è scettica sull’autorità dell’amministrazione di imporre misure anti-pandemia senza l’espresso consenso del Congresso.

Nel 2021, il tribunale Abrogato il divieto nazionale di espulsione È stato imposto dai Centers for Disease Control and Prevention che sono iniziati durante l’amministrazione Trump ed è stato esteso da Biden. A gennaio di quest’anno lo era Cessata la necessità di somministrazione vaccinazione o test I maggiori datori di lavoro della nazione affermano che un tale ordine violerebbe l’autorità dell’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro.

READ  Anne H "Non ci si aspetta che sopravviva" dopo la lesione cerebrale da un incidente d'auto - The Hollywood Reporter

I procuratori generali repubblicani di Nebraska, Missouri, Arkansas, Iowa, Kansas e South Carolina hanno affermato che si trattava di un altro caso di violazione.

“Mentre il presidente Biden dichiara pubblicamente che la pandemia è finita, il Segretario dell’Istruzione e il Dipartimento dell’Istruzione stanno usando Covid-19 per giustificare cancellazioni di prestiti di massa – uno sforzo illegale per cancellare più di 400 miliardi di dollari dei 1,6 trilioni di dollari di prestiti studenteschi federali ed eliminare tutto il resto Circa 20 dei 43 milioni di mutuatari milioni in arretrato “, hanno affermato gli stati nei loro documenti depositati presso la Corte Suprema.

Il procuratore generale Elizabeth B. Preloger ha affermato che gli stati non hanno legittimazione legale per contestare le azioni dell’amministrazione e che la legge federale conferisce al segretario all’istruzione un’ampia autorità per apportare modifiche al programma di prestito studentesco. Le amministrazioni Trump e Biden hanno implementato la legislazione per congelare i rimborsi dei prestiti durante la pandemia.

“Il Congresso ha autorizzato il Segretario dell’Istruzione a rispondere alle emergenze nazionali fornendo sollievo ai mutuatari di prestiti studenteschi interessati”, ha scritto Prelogger nel deposito del tribunale. “Non trovando che il Segretario abbia violato quell’espressa autorità statutaria, l’Ottavo Circuito ha emesso un’ingiunzione a livello nazionale che blocca la fornitura di soccorsi critici a milioni di americani colpiti dai continui effetti economici della pandemia globale”.

L’amministrazione Biden il 23 novembre Prorogata la moratoria sul rimborso del prestito studentesco Nel nuovo anno. “Non è giusto chiedere a milioni di mutuatari che possono beneficiare di agevolazioni di riprendere a pagare i loro prestiti studenteschi mentre i tribunali esaminano il caso”, ha affermato Biden.

READ  Il rappresentante degli Stati Uniti Jackie Walorski muore in un incidente d'auto nella contea di Elkhart

I pagamenti riprenderanno 60 giorni dopo l’approvazione del Dipartimento dell’Istruzione per l’attuazione del programma o la risoluzione del caso. Se non accade entro il 30 giugno, 60 giorni dopo o il 30 settembre. I pagamenti riprenderanno il 1°, ha detto il dipartimento.

L’amministrazione Biden ha inizialmente incoraggiato i mutuatari a richiedere la cancellazione del debito entro il 15 novembre, quando la moratoria doveva terminare il 31 dicembre, nella speranza che le loro domande venissero elaborate prima che la moratoria fosse revocata. Ciò avrebbe dato tempo sufficiente al dipartimento dell’istruzione per ricalcolare i pagamenti mensili dei mutuatari in base ai nuovi saldi.

La maggior parte dei mutuatari di prestiti studenteschi federali è stata liberata dai pagamenti mensili e dagli interessi sui loro prestiti da quando il Congresso ha approvato l’Epidemic Relief Care Act nel marzo 2020. L’amministrazione Trump ha prorogato la moratoria due volte, mentre Biden lo ha fatto sei volte.

I sindacati, i gruppi per i diritti civili e gli attivisti per i prestiti studenteschi hanno fatto pressioni su Biden affinché rinunciasse alla riduzione del debito mentre il programma di riduzione del debito è in un limbo legale. Molti degli stessi gruppi hanno depositato memorie sollecitando la Corte Suprema a ripristinare il programma.

“Il programma di sostegno ai prestiti studenteschi dell’amministrazione Biden è un’ancora di salvezza per milioni di educatori, infermieri, dipendenti pubblici e altri lavoratori, le persone che ci hanno aiutato a superare la pandemia e mantengono la nostra economia in funzione ogni giorno”, ha affermato Randy Weingarten. La Federazione americana degli insegnanti ha depositato una memoria a sostegno del piano. “Ma gli ideologi proibizionisti stanno facendo politica con il loro futuro e abusano del sistema legale per fermare il progresso e negare al presidente Biden un risultato che aiuterà milioni di persone è peggio”.

C’è un caso Biden v. Nebraska.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.