La NASA interrompe il lancio del razzo lunare Artemis per la seconda volta in 5 giorni

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

CAPE CANAVERAL, Florida, 3 settembre (Reuters) – Per la seconda volta in cinque giorni, sabato la NASA ha interrotto il conto alla rovescia in corso e ha posticipato un tentativo pianificato di lanciare il primo volo di prova del suo gigantesco razzo di nuova generazione. La missione del programma Moon-Mars Artemis dell’agenzia.

L’ultimo tentativo di lanciare il razzo Space Launch System (SLS) alto 32 piani e il suo veicolo a capsula Orion è stato demolito dopo diversi tentativi da parte dei tecnici di riparare una perdita di propellente a idrogeno liquido super raffreddato iniettato nei serbatoi del carburante dello stadio principale del veicolo . .

Oltre a lottare per riparare la perdita, la difficoltà ha lasciato indietro i gestori di missione nel conto alla rovescia.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Le attività pre-volo sono state ufficialmente sospese dal direttore del lancio di Artemis I Charlie Blackwell Thompson, tre ore prima dell’apertura della finestra di lancio prevista di due ore alle 14:17 EDT (1817 GMT).

Non c’era una parola immediata su una sequenza temporale per riprendere la missione, nota come Artemis I. Ma la NASA potrebbe programmare un altro tentativo per lunedì o martedì.

“Gli ingegneri continuano a raccogliere dati aggiuntivi”, ha annunciato la NASA in una nota.

Un tentativo di lancio iniziale lunedì è fallito a causa di problemi tecnici all’11a ora emersi durante il conto alla rovescia, tra cui una diversa tubazione del carburante che perde, un sensore di temperatura difettoso e alcune crepe nella schiuma isolante. I funzionari della NASA hanno affermato che quei problemi erano stati precedentemente risolti con loro soddisfazione.

READ  I russi si mettono in fila per dire addio all'ex leader sovietico Gorbaciov

Ritardi nel giorno del lancio e problemi tecnici non sono rari per i nuovi razzi come lo Space Launch System della NASA, un insieme complesso di procedure di decollo pre-razzo che non sono state ancora completamente testate e provate dagli ingegneri.

Il viaggio inaugurale di SLS-Orion segnerà il progetto più ambizioso del programma Luna-Marte Artemis della NASA, il successore delle missioni lunari Apollo degli anni ’60 e ’70.

La missione metterà alla prova il veicolo da 5,75 milioni di libbre in un rigoroso volo dimostrativo, inteso a spingere i suoi limiti di progettazione fino a quando la NASA non lo riterrà sufficientemente affidabile da trasportare gli astronauti in un volo di follow-up previsto per il 2024.

Presentato come il razzo più potente e complesso del mondo, SLS rappresenta il più grande nuovo sistema di lancio verticale sviluppato dall’agenzia spaziale statunitense da quando il razzo Saturn V ha volato durante l’Apollo, nato dalla corsa allo spazio tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Era.

Se le prime due missioni Artemis avranno successo, la NASA punta a riportare gli astronauti sulla luna, inclusa la prima donna a mettere piede sulla superficie lunare, già nel 2025. Molti esperti, tuttavia, ritengono che la scadenza potrebbe slittare. Qualche anno.

Seguendo le orme di altri 10 astronauti durante cinque missioni precedenti, a partire dall’Apollo 11 nel 1969, due discendenti umani dell’Apollo 17 hanno camminato per l’ultima volta sulla luna nel 1972.

Il programma Artemis cerca di stabilire una base lunare a lungo termine come trampolino di lancio per missioni spaziali ancora più ambiziose su Marte, che secondo i funzionari della NASA dureranno almeno fino alla fine degli anni ’30.

READ  Salman Rushdie è ancora ricoverato in ospedale poiché il sospetto dell'attacco è innocente

Il progetto prende il nome dalla dea che era la sorella gemella di Apollo nell’antica mitologia greca.

SLS è in fase di sviluppo da oltre un decennio, con anni di ritardi e sforamenti dei costi. Ma il programma Artemis ha creato decine di migliaia di posti di lavoro e miliardi di dollari di affari sotto il primo appaltatore Boeing Co. (BANDIRE) SLS e Lockheed Martin Corp (LMT.N) Per Orione.

Sebbene nessun essere umano sarà a bordo, Orion trasporta tre membri dell’equipaggio simulati – un manichino maschio e due femmine – dotati di sensori per misurare i livelli di radiazioni e altri stress sperimentati dagli astronauti della vita reale.

La navicella lancerà anche un carico utile di 10 satelliti scientifici miniaturizzati chiamati CubeSats, incluso uno progettato per mappare gli abbondanti depositi di ghiaccio al polo sud della Luna.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Joey Rowlett riferisce a Cape Canaveral, in Florida

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.