La nuotatrice americana Anita Alvarez salvata dall’allenatore Andrea Fuentes ai Mondiali

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

La due volte nuotatrice olimpica Anita Alvarez è annegata sul fondo di una piscina Mayangi durante i Campionati Mondiali di Acquatica a Budapest mercoledì. Il suo allenatore, Andrea Fuentes, del Team USA, si è precipitato a salvarla, tirando su il suo corpo sciolto e riportandola di corsa sulla superficie dell’acqua.

Una serie di foto ha catturato la drammatica ripresa. Un’immagine mostra Fuentes, in completo costume, che allunga la mano sott’acqua. Quando Fuentes li guida entrambi per l’aria, un altro mostra che i due sono legati.

Alvarez ha ricevuto cure mediche di emergenza dopo il recupero.

In seguito all’incidente, Fuentes ha accusato i bagnini sul posto di non aver agito abbastanza velocemente per affrontare il pericolo.

“È stato un grande spavento”, ha detto Fuentes al quotidiano spagnolo Marca. “Ho dovuto saltare perché i bagnini non l’hanno fatto”.

Ha smesso di respirare mentre partecipava alla finale libera da solista di Alvarez, causando una diffusa preoccupazione tra i suoi compagni di squadra e spettatori.

In un aggiornamento di Instagram mercoledì, l’account ufficiale di nuoto artistico USA ha condiviso il rapporto di Fuentes secondo cui Alvarez era stato completamente esaminato dai medici e si stava riprendendo. Ha ringraziato le persone per le congratulazioni e ha detto che l’atleta “si sente meglio ora”.

“Va tutto bene”, ha scritto, prima di evidenziare il pericolo che i nuotatori, come gli altri atleti, corrono quando si esibiscono.

“Abbiamo tutti visto le foto di alcuni atleti che non vanno al traguardo, mentre altri li aiutano ad arrivarci. Il nostro gioco non è diverso dagli altri, è in piscina”, ha detto. “Spingiamo i confini e talvolta li troviamo”.

READ  Pete Davidson e Kate McKinnon di SNL erano fuori nel cast

Alvarez, originario di Donavanda, NY, ha iniziato a nuotare artistico, popolarmente noto come nuoto sincronizzato fino al 2017, quando aveva 5 anni. Ora è considerato un veterano e membro di talento. Squadra USAI Giochi di Rio de Janeiro 2016 e i Giochi di Tokyo si sfideranno nel 2020, che è stato riprogrammato per il 2021 durante l’epidemia.

Il 25enne Alvarez è svenuto mentre nuotava ha segnato la seconda volta mercoledì. Segna anche la seconda volta che Fuentes salta per salvarla.

A Barcellona l’anno scorso, un nuotatore ha perso i sensi in un turno di qualificazione olimpica e quindi ha annegato il suo allenatore. Non è chiaro cosa abbia causato il collasso di Alvarez, ma la maggior parte dei nuotatori in questo sport deve trattenere il respiro.

“Venendo in aria solo occasionalmente, i nuotatori d’arte hanno bisogno di aria pulita quando hanno la possibilità di respirare”, riferisce il team. Sito ufficiale.

I nuotatori artistici americani, individualmente e fuori dalla piscina, stanno cercando di essere più sincronizzati

Durante le epidemie del virus corona, gli atleti di tutto il mondo sono stati costretti a trovare metodi di allenamento alternativi, con l’American Art Swimming Team costretto ad allenarsi da solo, a volte con la testa nelle loro camere da letto – perfezionando i movimenti dei piedi – nonostante le piscine in tutto il paese. Chiuso.

Fuentes Disse La squadra del Washington Post è tornata nella palestra della squadra virtuale, a volte affiancata da altri nuotatori internazionali. Alvarez ha insegnato il tris di gruppo.

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. Giovedì dovrebbe essere visitato dai medici.

READ  Nome delizioso ma non Big Mac: la Russia apre ristoranti rinominati McDonald's

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.