Le banche statunitensi si preparano alla contrazione dei profitti e alla recessione

New York, gen. 10 (Reuters) – Si prevede che questa settimana i colossi bancari statunitensi riporteranno utili in calo nel quarto trimestre, poiché gli istituti di credito accumulano fondi per i giorni di pioggia per prepararsi a un rallentamento economico che potrebbe colpire l’investment banking.

Quattro giganti bancari statunitensi: JPMorgan Chase & Co (JPM.N)Bank of America Corp (PAC.N)Citigroup Inc (CN) e Wells Fargo & Co (WFC.N) – riporterà i guadagni venerdì.

Con Morgan Stanley (MSN) e Goldman Sachs (GSN), sono i sei maggiori prestatori, secondo le stime mediane di Refinitiv. Questo è più del doppio dei 2,37 miliardi di dollari stanziati un anno fa.

“Con la maggior parte degli economisti statunitensi che prevedono una recessione o una recessione significativa quest’anno, le banche attaccheranno una prospettiva economica più accomodante”, hanno affermato in una nota gli analisti di Morgan Stanley guidati da Betsy Grasek.

La Federal Reserve ha aumentato in modo aggressivo i tassi di interesse nel tentativo di controllare l’inflazione, che è la peggiore da decenni. L’aumento dei prezzi e gli elevati costi di indebitamento stanno spingendo i consumatori e le imprese a frenare le loro spese, e le banche fungono da intermediari economici, riducendo i loro profitti quando l’attività rallenta.

Le sei banche dovrebbero registrare un calo medio del 17% dell’utile netto nel quarto trimestre, secondo le stime preliminari degli analisti di Refintiv.

Grafica Reuters

Tuttavia, i prestatori beneficiano di tassi in aumento che consentono loro di guadagnare di più dagli interessi che addebitano ai mutuatari.

Gli investitori e gli analisti si concentreranno sui commenti dei banchieri come indicatore importante delle prospettive economiche. Una sfilata di dirigenti nelle ultime settimane ha avvertito di un clima economico difficile, spingendo le aziende a tagliare i compensi o tagliare i posti di lavoro.

READ  Il presidente del Regno Unito Kwasi Kwarteng ritira il taglio delle tasse del 45%.

Goldman Sachs inizierà a licenziare migliaia di dipendenti a partire da mercoledì, hanno detto domenica due fonti a conoscenza della mossa. Morgan Stanley e Citigroup, tra gli altri, hanno tagliato posti di lavoro dopo un crollo dell’attività di investment banking.

Le mosse arrivano dopo che i dealmaker di Wall Street in fusioni, acquisizioni e offerte pubbliche iniziali hanno dovuto affrontare un forte calo delle loro attività nel 2022.

I ricavi globali dell’investment banking sono scesi a 15,3 miliardi di dollari nel quarto trimestre, in calo di oltre il 50% rispetto al trimestre di un anno fa, secondo i dati di Dealogic.

Anche le attività di consumo saranno al centro delle decisioni delle banche. Un forte mercato del lavoro e gli stimoli del governo hanno aumentato le bollette delle famiglie per gran parte della pandemia e, sebbene i consumatori siano generalmente in buona forma finanziaria, altri stanno iniziando a rimanere indietro con i pagamenti.

“Stiamo uscendo da un periodo di qualità del credito insolitamente forte”, ha affermato David Fanger, vicepresidente senior del gruppo delle istituzioni finanziarie presso Moody’s Investors Service.

Alla Wells Fargo, le conseguenze dello scandalo dei conti falsi e delle multe regolamentari continueranno a pesare sui risultati. L’istituto di credito dovrebbe registrare circa $ 3,5 miliardi di costi dopo aver accettato di risolvere con le accuse dell’Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori degli Stati Uniti di diffusa cattiva gestione di prestiti auto, mutui e conti bancari.

Gli analisti cercheranno di vedere se banche come Morgan Stanley e Bank of America hanno scritto uno dei 13 miliardi di dollari di debito che Elon Musk ha utilizzato per finanziare il suo acquisto di Twitter.

READ  Punteggio Packers vs. Bears: aggiornamenti in tempo reale, statistiche di gioco, highlights per l'incontro NFC North su "Sunday Night Football"

Più in dettaglio, l’indice KBW (.BKX) I titoli bancari sono aumentati di circa il 4% questo mese dopo essere scesi di quasi il 28% nell’ultimo anno.

Anche se nel 2022 il sentimento del mercato subirà una brusca svolta dall’ottimismo alla paura, le peggiori previsioni possono essere superate poiché alcune grandi banche rivelano operazioni più rischiose, ha scritto l’analista di Credit Suisse Susan Roth Katzke.

“Dopo un decennio di riduzione del rischio, vediamo un potere di guadagno più resiliente durante il ciclo”, ha scritto in una nota. “Non possiamo escludere la forza fondamentale.”

Segnalazione di Saeed Azhar, Niketh Nishant e Lanan Nguyen Montaggio di Nick Zieminski

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.