Le navi da guerra statunitensi attraversano lo Stretto di Taiwan per la prima volta dalla visita di Pelosi

WASHINGTON, 27 ago (Reuters) – Due navi da guerra della Marina americana hanno navigato nelle acque internazionali nello Stretto di Taiwan domenica, la prima azione del genere da quando la presidente degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato Taiwan e ha fatto arrabbiare la Cina, che considera l’isola il suo territorio.

La Marina degli Stati Uniti, confermando il rapporto Reuters, ha affermato che gli incrociatori Chancellorsville e Antideme stanno continuando a operare. Tali operazioni di solito richiedono dalle otto alle 12 ore e sono strettamente monitorate dall’esercito cinese. leggi di più

Negli ultimi anni, le navi da guerra statunitensi, e talvolta le navi da guerra di alleati come Gran Bretagna e Canada, sono passate regolarmente attraverso lo stretto, suscitando l’ira della Cina per le obiezioni del governo democraticamente eletto di Taiwan.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La visita di Pelosi a Taiwan all’inizio di agosto ha fatto arrabbiare la Cina, che l’ha vista come un tentativo degli Stati Uniti di interferire nei suoi affari interni. Successivamente, la Cina ha avviato esercitazioni militari vicino all’isola. leggi di più

“Queste navi (americane) sono passate attraverso un corridoio nello stretto oltre il mare territoriale di qualsiasi stato costiero”, ha affermato la Marina degli Stati Uniti.

La mossa dimostra l’impegno dell’America per una regione indo-pacifica libera e aperta e l’esercito americano vola, viaggia e opera ovunque il diritto internazionale lo consenta, ha affermato la Marina.

John Kirby, un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha fatto eco a quella posizione sulla CNN, dicendo che la rotta delle navi era “molto coerente” con la politica statunitense “una Cina” e cerca un “Indo-Pacifico libero e aperto”.

READ  Novak Djokovic v Rafael Nadal 'La partita più importante degli ultimi 10 anni' - Henman agli Open di Francia

Kirby ha aggiunto che il trasferimento era stato pianificato molto tempo fa.

L’Eastern Theatre Command dell’esercito cinese ha detto che stava seguendo le navi e le avrebbe avvertite.

“Le truppe in teatro sono in allerta e pronte a contrastare qualsiasi provocazione in qualsiasi momento”, ha aggiunto in una nota.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che le navi stavano viaggiando verso sud e che le sue forze le stavano monitorando, ma che “la situazione è rimasta normale”.

Lo stretto Stretto di Taiwan ha causato frequenti tensioni militari da quando il governo sconfitto della Repubblica di Cina è fuggito a Taiwan nel 1949 dopo aver perso una guerra civile con i comunisti che hanno fondato la Repubblica popolare cinese.

La visita di Pelosi a Taiwan è stata seguita una settimana dopo da un gruppo di altri cinque legislatori statunitensi, dopo che l’esercito cinese ha risposto conducendo più esercitazioni vicino all’isola.

La senatrice Marsha Blackburn, una deputata statunitense nei comitati per il commercio e i servizi armati del Senato, è arrivata a Taiwan giovedì, la terza visita di un funzionario statunitense questo mese, sfidando le pressioni della Cina per congelare i viaggi. leggi di più

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di evitare che le tensioni tra Washington e Pechino degenerassero in conflitti, ribadendo che le visite del Congresso sono di routine.

Gli Stati Uniti non intrattengono relazioni diplomatiche formali con Taiwan, ma sono obbligati per legge a fornire all’isola i mezzi per difendersi.

La Cina non ha mai escluso l’uso della forza per portare Taiwan sotto il suo controllo.

READ  La Banca nazionale svizzera alza i tassi di interesse di mezzo punto, il franco aumenta

La Repubblica popolare cinese di Taiwan non ha mai governato l’isola e quindi non ha alcun diritto su di essa, e solo i 23 milioni di persone di Taiwan possono decidere il proprio futuro.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Dichiarazione di Idris Ali; Rapporti aggiuntivi di Ben Blanchard a Taipei, Kevin Yao a Pechino e Jonathan Lande a Washington; Montaggio di Christopher Cushing e Lisa Schumacher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.