L’economia giapponese si contrae per la prima volta in un anno

L’economia giapponese si è inaspettatamente contratta nel terzo trimestre per la prima volta in un anno, alimentando ulteriore incertezza sulle prospettive, come i rischi di recessione globale. Uno yen più debole E i costi di importazione più elevati danneggiano i consumi delle famiglie e le imprese.

La terza economia più grande del mondo ha faticato a mettersi in moto nonostante la recente revoca delle sanzioni Covid-19 e ha dovuto affrontare un’intensa pressione dovuta all’inflazione globale rovente, all’aumento dei tassi di interesse globali e alla guerra in Ucraina.

Il prodotto interno lordo è sceso dell’1,2% su base annua a luglio-settembre, hanno mostrato i dati ufficiali, battendo la stima media degli economisti di un’espansione dell’1,1% e un aumento rivisto del 4,6% nel secondo trimestre.

Ciò si traduce in un calo trimestrale dello 0,3% rispetto alla crescita prevista dello 0,3%.

Oltre ad essere schiacciato da una recessione globale e dall’aumento dell’inflazione, il Giappone affronta la sfida di un minimo di 32 anni nel calo dello yen rispetto al dollaro, che ha amplificato le tensioni sul costo della vita aumentando ulteriormente il prezzo di tutto. Carburante per prodotti alimentari.

“La contrazione è stata inaspettata”, ha affermato Atsushi Takeda, capo economista dell’Itochu Economic Research Institute, aggiungendo che le fluttuazioni maggiori del previsto sono state la distorsione più grande.

“Ma i tre principali pilastri della domanda – consumo, spesa in conto capitale ed esportazioni – erano in territorio positivo e, sebbene non forte, la domanda non era così debole come suggerisce l’immagine principale”.

Tuttavia, i rischi per le prospettive del Giappone sono aumentati mentre l’economia globale vacilla sull’orlo della recessione.

READ  Il produttore di "Vimosanam" si è scusato per "Peter senza maglietta" alla premiere

Il ministro dell’Economia Shigeyuki Koto ha affermato che la recessione globale potrebbe colpire case e imprese.

A livello nazionale, politici e cittadini sono alle prese con l’ottava ondata della pandemia di Covid, che si aggiunge all’oscurità dei consumi privati, che rappresentano oltre la metà dell’economia giapponese.

Nel terzo trimestre, i consumi privati ​​sono cresciuti dello 0,3%, superando la stima di consenso di una crescita dello 0,2%, ma in netto calo rispetto all’aumento dell’1,2% del secondo trimestre.

“La crescita dovrebbe diventare positiva nel quarto trimestre, tra il turismo in entrata e un piccolo deficit commerciale, ma un’ottava ondata di virus e l’aumento dell’inflazione limiteranno la ripresa”, ha affermato Darren Day, economista giapponese di Capital Economics.

Gli investimenti non residenziali sono aumentati dell’1,5% nel trimestre, ben al di sotto dell’aumento del 2,1% e della stima dell’economia del capitale di una crescita del 3%.

Le esportazioni sono aumentate dell’1,9%, ma le importazioni hanno registrato i maggiori guadagni, il che significa che la domanda esterna ha sottratto 0,7 punti percentuali dal PIL.

Il governo del primo ministro Fumio Kishida ha intensificato il sostegno alle famiglie per attutire gli effetti dell’inflazione, con un costo aggiuntivo di 29 trilioni di yen ($ 206,45 miliardi) nel bilancio. Anche la Banca del Giappone sta mantenendo il suo aggressivo programma di stimolo monetario per aiutare a rilanciare l’economia.

Capital Economy ‘Day vede un 2023 difficile per il Giappone

“Per il 2023, il Giappone sarà trascinato in una lieve recessione nel primo semestre, con un rallentamento globale che graverà sulle esportazioni e sugli investimenti delle imprese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.