L’Unione Europea ha approvato un divieto parziale delle importazioni di petrolio russo


Londra
Affari CNN

Secondo il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, l’Unione europea ha accettato un embargo parziale sulle importazioni di petrolio russo.

“L’accordo per vietare le esportazioni di petrolio russo verso l’UE copre immediatamente i 2/3 delle importazioni di petrolio dalla Russia, riducendo la fonte di finanziamento per la sua macchina da guerra. Annunciato in un tweet Lunedì sera.

L’annuncio di Michael a seguito del vertice straordinario del Consiglio europeo a cui hanno partecipato lunedì i leader dell’UE a Bruxelles Discutere la sesta serie di ostacoli Contro la Russia.

“Queste sanzioni includono altre misure drastiche: rimuovere il furto della più grande banca russa, Sberbank, e vietare 3 trasmissioni statali russe e consentire a persone responsabili di crimini di guerra in Ucraina”, ha aggiunto.

I leader dell’UE si incontreranno di nuovo a Bruxelles martedì per discutere la risposta del campo all’occupazione russa dell’Ucraina.

I funzionari hanno proposto per la prima volta di unirsi agli Stati Uniti e ad altri nel vietare il petrolio russo un mese fa come parte della sesta serie di sanzioni dell’UE contro l’occupazione dell’Ucraina da parte del paese. Ma l’accordo è stato sospeso Alcuni paesiCome l’Ungheria, la Russia è particolarmente dipendente dal gasdotto.

Un funzionario dell’UE ha detto alla Galileus Web all’inizio della giornata che un aumento di due terzi delle importazioni dalla Russia sarebbe stato possibile vietando tutto il cherosene.

L’Europa è il più grande acquirente di energia della Russia. Secondo Eurostat, le importazioni di greggio dalla Russia saranno del 27% entro il 2021. Si tratta di circa 2,4 milioni di barili al giorno, secondo i dati dell’Agenzia internazionale per l’energia. Secondo l’IEA, circa il 35% di esso è stato consegnato al blocco attraverso gasdotti.

READ  Alcuni stati si stanno muovendo rapidamente per vietare l'aborto dopo la sentenza della Corte Suprema

Ma le forniture di gasdotti all’Ungheria (86%), alla Repubblica Ceca (97%) e alla Slovacchia (100%) rappresentano la quota maggiore delle esportazioni petrolifere russe.

– Anna Coupon e James Frater della CNN hanno contribuito a questo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.