Musk delinea il playbook della recessione di Tesla: i costi di recupero

26 gennaio (Reuters) – Elon Musk ha un playbook per Tesla (TSLA.O) Crede che ci sarà una “grave” recessione: fare pressione sui concorrenti con prezzi scontati sugli adesivi e tagliare i costi su tutto, dalle parti alla logistica.

In una teleconferenza per discutere i risultati del quarto trimestre di Tesla, Musk e altri dirigenti hanno delineato i piani per rimodellare la base dei prezzi del produttore di veicoli elettrici (EV) dopo aver tagliato i prezzi fino al 20%, in quello che alcuni analisti vedono come il primo colpo di un prezzo la guerra. .

Parte del piano include l’espansione della produzione nei nuovi stabilimenti di Tesla a Berlino e Austin, in Texas, e l’aumento della produzione interna di batterie dell’azienda grazie alle economie di scala, hanno affermato i dirigenti.

Ma il direttore finanziario Zachary Kirkhorn ha affermato che la società “colpirà ogni area di altre spese e aumenti dei costi accumulati in anni di incertezza legata al Covid”.

Ciò significa gestire le fabbriche Tesla in modo più snello con meno articoli in inventario, ridurre i costi di spedizione e logistica e negoziare prezzi più bassi per le parti, ha affermato.

Tra i suoi fornitori, Tesla acquista batterie dalla giapponese Panasonic (6752.D) e la cinese CATL (300750.SZ)e ha acquistato le massicce macchine da stampa utilizzate dal gruppo italiano ITRA per ridurre i costi e la complessità della produzione.

Sulla base dei dati raccolti dalla berlina Model 3 e dai SUV Model Y di Tesla, la società ha affermato che sta tagliando i costi ridisegnando i componenti della batteria e dei sistemi del motore elettrico e rimuovendo le funzionalità che i proprietari non utilizzano.

Bill Russo, fondatore della società di consulenza con sede in Cina AutoMobility, ha affermato che Tesla ha già ottenuto guadagni in termini di competitività dei costi prendendo posizione rispetto ai produttori di elettronica di consumo consentendo progetti hardware più semplici per i suoi veicoli elettrici.

READ  Taylor Hawkins rivela il suo disagio per il programma del tour dei Fu Fighters prima di morire, dicono gli amici

“È possibile compensare parte del margine colpito dai prezzi con l’architettura elettronica semplice e su larga scala”, ha affermato Russo. “È così che cercano di vincere la partita”.

Nel frattempo, Kirkhorn ha affermato che il costo del litio nelle batterie dei veicoli elettrici sarà più alto nel 2023 rispetto allo scorso anno, colpendo i rivali di Tesla che stanno ancora perdendo soldi sui veicoli elettrici.

“La mia ipotesi è che se la recessione è grave, cosa che penso probabilmente sarà, ma credo che non lo sia, porterà a una significativa riduzione di tutti i nostri costi di input”, ha detto Musk. “Quindi, ci aspettiamo di vedere la deflazione nei nostri costi di input, che porterà, sì, a margini migliori”.

La redditività è la chiave

Tesla ha detto martedì che avrebbe investito Più di 3,6 miliardi di dollari Prevede di espandere il suo complesso industriale in Nevada e aumentare la produzione di celle della batteria per produrre abbastanza per alimentare 2 milioni di veicoli all’anno.

Tesla prevede che quest’anno venderà 1,8 milioni di veicoli elettrici, con una crescita delle vendite del 37%. Quel numero annuale potrebbe raggiungere i 2 milioni di veicoli esclusi gli shock esterni, ha affermato Musk.

Le sue azioni sono aumentate di quasi il 7% nel trading pre-mercato giovedì.

Tesla ha realizzato un profitto medio di $ 9.100 per veicolo venduto nel quarto trimestre, in calo del 6% rispetto al trimestre precedente, ma comunque superiore ai rivali affermati. L’utile del terzo trimestre di Tesla è stato sette volte quello di Toyota Motor Corp (7203.D)Per esempio.

Tesla all’inizio di questo mese ha tagliato i prezzi fino al 20%, ampliando la gamma della sua gamma che si qualifica per $ 7.500 per veicolo in crediti d’imposta negli Stati Uniti.

READ  New York AG sostiene Donald Trump, 3 dei suoi figli coinvolti in frodi commerciali

Ma gli analisti si sono concentrati su come Tesla possa mantenere una misura chiave della redditività, il margine lordo delle vendite di veicoli, esclusi i debiti.

Kirkhorn ha affermato che la metrica è aumentata di oltre il 20% entro il 2023, con il prezzo medio dei suoi veicoli superiore a $ 47.000 anche dopo gli sconti. In confronto, il prezzo medio di un nuovo veicolo sul mercato statunitense a dicembre è stato di oltre $ 49.500, secondo Kelly Blue Book.

La riduzione dei costi è anche la chiave per la prossima fase di espansione di Tesla, che Musk ha lasciato intendere che la società delineerà nel suo giorno di investimento a marzo: piani per un veicolo elettrico a prezzi accessibili che gli analisti prevedono di costare meno di $ 35.000.

“Mentre la concorrenza nello spazio dei veicoli elettrici continua a surriscaldarsi, gli investimenti di Tesla nell’efficienza elettrica e nella tecnologia delle batterie rendono difficile recuperare il ritardo a breve termine”, hanno affermato gli analisti di Cowen and Company.

Tesla prevede di rilasciare una versione aggiornata della berlina Model 3 con nome in codice “Highland” entro la fine dell’anno, incentrata in parte sui costi di produzione inferiori, ha riferito Reuters.

Il costo medio per veicolo dell’azienda nel quarto trimestre, inclusi tutti i tipi di spese, è stato di quasi 44.000 dollari.

“Il prezzo conta davvero. Ci sono molte persone che vogliono acquistare una Tesla, ma non possono permetterselo”, ha detto Musk.

Reportage di Kevin Krolicki a Singapore e Abirub Roy a San Francisco; Segnalazioni aggiuntive di Norihiko Shirouzu a Pechino, Eva Mathews a Bangalore; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  I federali resistono all'annullamento della dichiarazione giurata per il mandato di Mar-a-Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *