Nome delizioso ma non Big Mac: la Russia apre ristoranti rinominati McDonald’s

12 giugno (Reuters) – Sembra e odora come McDonald’s ma ora è Vkusno & Tochka. Gli archi dorati sono spariti, il Filet-O-Fish è semplicemente un hamburger di pesce. Big Mac ha lasciato la Russia.

La nuova era della scena economica e fast food russa è iniziata domenica come McDonald’s. (MCDN) I ristoranti hanno aperto le loro porte a Mosca sotto la nuova proprietà russa e il nuovo nome si traduce come “delizioso e basta”.

L’azienda americana di hamburger ha aperto i battenti per la prima volta a Mosca su un confine simbolico tra Oriente e Occidente e ha aperto più di tre decenni di punti vendita rinominati, ancora una volta un chiaro segno di un nuovo ordine mondiale. La riapertura è avvenuta in occasione del Russia Day, una festa che celebra l’orgoglio nazionale.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Le fortune della catena che McDonald’s ha venduto quando ha lasciato il Paese durante il conflitto in Ucraina potrebbero fornire una prova di come l’economia russa diventerà autosufficiente e resisterà alle sanzioni occidentali. leggi di più

Domenica, una grande folla si è messa in fila fuori dal ristorante principale di McDonald’s in piazza Pushkin, nel centro di Mosca. Il negozio ha un nuovo logo – un hamburger stilizzato con due patatine fritte – e uno slogan: “Il nome cambia, l’amore resta”.

La coda era significativamente più piccola delle migliaia di persone che vennero all’apertura originale di McDonald’s nel 1990 durante l’era sovietica.

“Ci è piaciuto McDonald’s perché tutto dovrebbe essere di bassa qualità come sempre”, ha affermato Sardana Tonskaya, un’impiegata IT che si è messa in fila 32 anni fa per il primo assaggio di un marchio che simulava il capitalismo occidentale. Tornato domenica per lanciare il suo successore.

READ  6 gennaio 5 giorni di prova Cosa aspettarsi:

Il menu di Vkusno & Tochka era piccolo e non serviva hamburger e dessert come Big Mac e McFlurry. Un double cheese burger costa 129 rubli ($ 2,31), circa 160 sotto McDonald’s e 169 rubli per un fish burger, rispetto ai 190 precedenti.

La composizione degli hamburger non è cambiata e l’attrezzatura di McDonald’s rimane intatta, ha affermato Alexander Merculov, responsabile della qualità della nuova società.

McDonald’s ha dichiarato di aver chiuso i suoi ristoranti russi a marzo e di aver deciso di lasciare completamente il paese a metà maggio, una delle più alte partenze commerciali da quando la Russia ha inviato decine di migliaia di soldati in Ucraina il 24 febbraio.

La maggior parte della confezione per i prezzi e gli hamburger era semplicemente bianca, con bicchieri per bevande, mentre i sacchetti da asporto erano semplicemente marroni, a indicare che i nuovi proprietari avrebbero dovuto rinominarli al momento del lancio. Il vecchio logo di McDonald’s sulle tasche di ketchup e altre salse era coperto da segni neri temporanei.

Sergei, un cliente di 15 anni, ha visto poca differenza.

“Il gusto è lo stesso”, ha detto, infilato in un hamburger di pollo e fritto. “La cola è diversa, ma non c’è stato davvero alcun cambiamento nell’hamburger”.

Meglio del Big Mac?

Il ristorante di Mosca è uno dei 15 punti vendita rinominati che apriranno domenica nella capitale e dintorni. Oleg Paroev, CEO di Vkusno & Tochka, ha affermato che la società prevede di riaprire 200 ristoranti in Russia entro la fine di giugno e 850 entro la fine dell’estate. Vedi casella di controllo:

READ  Joe Madden è stato licenziato come manager dei Los Angeles Angels

“Non lavoriamo da tre mesi”, ha detto Rusanna, manager della filiale di Mosca, la cui apertura è prevista per luglio. “Sono tutti così felici”.

Barrow, che è stato nominato CEO di McDonald’s per la Russia poche settimane prima dell’inizio del conflitto in Ucraina, ha affermato che la catena manterrà i suoi vecchi interni di McDonald’s ma rimuoverà qualsiasi riferimento al suo nome precedente.

“Il nostro obiettivo è che i nostri ospiti non notino differenze nella qualità o nell’ambiente”, ha detto Barrow in una conferenza stampa al ristorante.

Alexander Gower, un uomo d’affari siberiano che è il nuovo proprietario dell’attività, ha detto a Reuters che stava per lanciare qualcosa di simile al Big Mac di McDonald’s.

“Non abbiamo il diritto di usare determinati colori, nessun diritto di usare archi dorati, nessun diritto di usare riferimenti a McDonald’s”, ha detto a Reuters.

“Big Mac è la storia di McDonald’s. Faremo sicuramente qualcosa di simile”, ha detto. “Cercheremo di fare qualcosa di ancora migliore affinché i nostri visitatori e ospiti amino questo piatto”.

Il CEO Barrow ha affermato che la società sta cercando nuovi fornitori di bevande analcoliche poiché alcune azioni di Coca-Cola sono in calo. (KO.N), che sospende le vendite in Russia. Barrow ha affermato che tutti i prodotti della catena tranne il 2% provengono dalla Russia.

Non tutti sono impressionati.

Pochi minuti dopo la conferenza stampa, un uomo era in piedi davanti alle telecamere con in mano un cartello che diceva: “Riporta il Big Mac”. Il personale del ristorante lo ha portato fuori rapidamente.

Nuovo proprietario: ho pagato l’importo simbolico

READ  La Commissione Ue sostiene il tentativo di adesione all'Ucraina

Il governatore è stato uno dei tanti russi che hanno saccheggiato proprietà mentre centinaia di compagnie occidentali sono fuggite. Domenica ha detto che McDonald’s ha pagato alla Russia una cifra “indice” “molto inferiore al prezzo di mercato”. McDonald’s, la più grande catena di hamburger del mondo, ha raccolto 1,4 miliardi di dollari in seguito alle vendite.

Funzionari russi hanno affermato che il gruppo statunitense ha il diritto di riacquistare i suoi ristoranti entro 15 anni, ma su questa possibilità Kopor ha versato acqua fredda.

“Mi hanno chiarito che non avrebbero riacquistato”, ha affermato Interfax.

McDonald’s ha detto che avrebbe trattenuto decine di migliaia di dipendenti della catena Gower per almeno due anni e non era immediatamente disponibile per commentare i termini della vendita o le sue future intenzioni russe.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Reuters; Montaggio Josephine Mason e Pravin Sir

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.