Non esiste il “Covid lungo”, afferma l'agenzia sanitaria in un comunicato shock: “Paura inutile”

Salute


Segui la scienza: fuori dalla porta.

Il termine “long covid” dovrebbe essere buttato via come una pila di maschere N95 scadute – secondo gli esperti sanitari di un paese che hanno scoperto che dopo un anno i sintomi delle persone infette non erano diversi dal tipico virus. febbre

Ricercatori medici sostenuti dal governo in Australia affermano che è ora di smettere di usare la frase allarmistica, che ha guadagnato popolarità dopo che un gran numero di persone sono state testate per Covid-19, portando a un aumento dei “sintomi di stanchezza da virus”, solitamente non gravi. è passato inosservato, ha riferito il South West News Service.

Uno studio di un’agenzia governativa australiana ha scoperto che i sintomi nelle persone con il cosiddetto “Covid a lungo termine” non sono diversi da quelli che sono guariti da altre malattie virali. brizmaker – stock.adobe.com

“Crediamo che sia ora di smettere di usare termini come 'Covid lungo'”, ha affermato il dottor John Gerrard, responsabile sanitario del Queensland che ha supervisionato lo studio appena pubblicato.

“Suggeriscono falsamente che ci sia qualcosa di unico ed eccezionale nei sintomi cronici associati a questo virus”, ha spiegato.

“Questi termini possono causare paure inutili e, in alcuni casi, iperconsapevolezza per sintomi prolungati che impediscono il recupero”, avverte Gerrard.

I ricercatori del Queensland Health hanno esaminato 5.112 persone di età pari o superiore a 18 anni con sintomi.

I sintomi segnalati includono affaticamento, confusione mentale, tosse, mancanza di respiro, alterazioni dell'olfatto e del gusto, vertigini e battito cardiaco rapido o irregolare.

Nella tarda primavera del 2022, i ricercatori hanno prelevato i loro soggetti da un gruppo di australiani malati risultati positivi e negativi al Covid-19 e un anno dopo li hanno interrogati sui loro sintomi e sulla qualità della vita.

READ  La California evita potenziali interruzioni mercoledì 2
I ricercatori del Queensland Health hanno confrontato i loro risultati con migliaia di malati. bizoo_n – stock.adobe.com

Il 16% degli intervistati ha riferito di aver manifestato sintomi nella primavera del 2023, mentre il 3,6% ha riportato “compromissione funzionale da moderata a grave” nella vita quotidiana.

Non è stata trovata alcuna prova che gli adulti risultati positivi al test nel 2022 abbiano sperimentato questo aumento del livello di compromissione a un tasso più elevato rispetto a quelli risultati negativi o semplicemente affetti da influenza.

Lo studio ha rilevato che a causa delle severe restrizioni imposte dal governo australiano durante la pandemia, i tassi di “long covid” rilevati erano inferiori rispetto ad altri paesi.

Il documento completo dovrebbe essere presentato al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive che si terrà a Barcellona il mese prossimo nel 2024.

“Il Covid prolungato potrebbe essere emerso come una malattia distinta e grave in contesti sanitari con popolazioni altamente vaccinate, con alti tassi di casi di Covid-19 durante le pandemie”, ha affermato Gerrard.

Gli esperti hanno affermato che il termine è entrato in uso dopo che un gran numero di persone hanno lottato contemporaneamente per riprendersi dal Covid-19, con il lungo periodo di recupero che alcune esperienze dopo il virus spesso passano inosservate. Nicholas Felix/peopleimages.com – stock.adobe.com

“Tuttavia, abbiamo scoperto che i tassi di sintomi in corso e di deterioramento funzionale erano indistinguibili da altre malattie post-virali”, ha continuato.

“Questi risultati sottolineano l’importanza di confrontare gli esiti post-Covid-19 con altre infezioni respiratorie e di approfondire la ricerca sulle sindromi post-virali”.




Accetta di più…









https://nypost.com/2024/03/14/lifestyle/no-such-thing-as-long-covid-health-agency-says-in-shock-claim-unnecessary-fear/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site %20pulsanti&utm_campaign=sito%20pulsanti

Copia l'URL da condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *