Ospite ‘dinamico’ alla Casa Bianca: BTS incontra Pitana sulla discriminazione antiasiatica

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

Molto prima dell’inizio della sessione di conversazione quotidiana con i giornalisti martedì, i giornalisti interessati hanno iniziato a radunarsi nei corridoi della sala conferenze della Casa Bianca: non erano lì per Brian Dees.

Un pomeriggio, la Casa Bianca è diventata la sede esclusiva dell’evento mondiale K-pop BTS, con ciascuno dei 49 posti nella sala riunioni che è diventato il biglietto più ambito della città. Il gruppo è stato chiamato dall’amministrazione per sensibilizzare sulla diffusione della discriminazione anti-asiatica.

“Siamo BTS”, ha detto RM, il cui nome proprio è considerato Kim Nam-jun e il vero leader del megacroup, che è avanzato alla conferenza nella sala di presentazione. “È un grande onore essere invitato oggi alla Casa Bianca per discutere le questioni chiave dei crimini asiatici contro l’odio, i contenuti asiatici e la diversità”.

La portavoce della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre, ha detto al gruppo: “Sebbene molti di voi conoscano i BTS come un simbolo internazionale nominato ai Grammy, svolgono anche un ruolo chiave come ambasciatori dei giovani, promuovendo rispetto e notizie positive”.

Gli altri membri del team hanno consegnato i propri messaggi in coreano. Successivamente, un traduttore ha riassunto i loro vari messaggi: “L’uguaglianza inizia quando apriamo e abbracciamo tutte le nostre differenze” e “Speriamo che oggi faremo un ulteriore passo avanti per rispettarci e capirci come una persona preziosa”.

Quindi RM è tornato alla lezione.

“Infine, ringraziamo il presidente Biden e la Casa Bianca per averci dato questa importante opportunità di parlare di questioni chiave”, ha affermato. “Ricordami cosa possiamo fare noi artisti.”

Dopo la loro svolta stellare nella sala riunioni, i BTS si sono recati allo Studio Ovale per incontrare il Presidente l’ultimo giorno di maggio, designato come il mese tradizionale degli asiatici americani, dei nativi hawaiani e delle isole del Pacifico. Prima di partecipare alla conferenza stampa, i BTS avevano filmato il contenuto con il team digitale della Casa Bianca e si erano guardati intorno, ha detto un funzionario della Casa Bianca.

READ  Dow Jones Futures: cosa fare quando il rally del mercato si ritira; Warren Buffett fa esplodere la base

La visita del gruppo con Biden – che è stata indescrivibilmente chiusa alla copertura della stampa – è l’ultimo esempio di come la Casa Bianca utilizzi il potere delle celebrità per attirare l’attenzione sulle priorità chiave.

Lo scorso luglio, la dirigenza ha elencato la cantante Olivia Rodrigo per la promozione Corona virus Vaccini. E la scorsa settimana, l’attrice e cantante della Casa Bianca Selena Gomez è stata coinvolta per evidenziare la salute mentale, con Gomez che è apparso in un film. Video di tre minuti Biden, la First Lady Jill Biden e il chirurgo generale Vivek H. Discuti il ​​problema con Murthy.

Ma in alcuni luoghi martedì, il messaggio contro la discriminazione che l’amministrazione ha voluto trasmettere è stato in qualche modo oscurato dalla frenesia all’interno della sala conferenze e fuori dai cancelli della Casa Bianca.

Fuori, centinaia di fan – per lo più giovani donne – si sono radunati nel gruppo K-pop sperando di avere una visuale in lontananza, e mentre aspettavano sotto il sole cocente, hanno cantato i nomi di sette membri, “BTS! BTS! ”

All’interno, un gran numero di giornalisti interessati, molti dei quali di origine coreana, hanno chiuso i corridoi almeno mezz’ora prima dell’inizio della conferenza, rendendo la sala già affollata ancora più congestionata. Dai tempi in cui Sean Spicer era addetto stampa, per tutti i motivi sbagliati, almeno per l’amministrazione Donald Trump, le sessioni in sala briefing non sono state così affollate come avrebbero dovuto essere per guardare la TV.

Il live streaming della conferenza della Casa Bianca di martedì attira generalmente alcune centinaia di spettatori interessati. Ma prima dell’inizio della sessione delle 14:30, circa 11.000 persone erano venute allo spettacolo. Dieci minuti prima della convention, circa 71.000 persone erano online. Due minuti dopo l’inizio ufficiale della conferenza – iniziata con qualche minuto di ritardo come previsto – 197.000 persone stavano guardando.

READ  Risultati elezioni: Senato, gare alla Camera ancora indecise

Più di 300.000 persone erano in streaming quando Dees, direttore della Casa Bianca del National Economic Council, ha iniziato il suo discorso. (Le magliette parlano di inflazione da molto tempo, ma il pubblico sta diminuendo rapidamente.)

“Bene, vado a casa e dico ai miei figli che i BTS sono aperti”, ha detto Dees, con i giornalisti che ridono. “Non me lo aspettavo quando mi sono svegliato stamattina. Inoltre, so che siete tutti qui per parlare di inflazione media ridotta e ne siete entusiasti quanto loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.