Perché un vaccino vecchio di un secolo offre nuove speranze contro gli agenti patogeni

Agli albori della pandemia di Covid-19, quando la prevenzione sembrava lontana anni luce, molti scienziati hanno iniziato le prove per vedere se un vaccino contro la tubercolosi sviluppato nei primi anni del 1900 potesse proteggere le persone rafforzando il sistema immunitario.

Il vaccino Bacillus-Calmette-Guerin è noto da tempo per avere ampi effetti sul sistema immunitario ed è ancora somministrato ai bambini nei paesi in via di sviluppo e nei paesi in cui la tubercolosi è endemica.

Gli scienziati hanno osservato anni fa che la vaccinazione allena il sistema immunitario a rispondere a una varietà di malattie infettive, inclusi virus, batteri e parassiti, e riduce la mortalità infantile.

Man mano che nuove minacce come il vaiolo delle scimmie e la poliomielite riemergono e il coronavirus continua ad evolversi, la capacità di un vecchio vaccino di fornire una protezione universale contro le malattie infettive ha ricevuto un rinnovato interesse tra gli scienziati.

Ora stanno arrivando i risultati degli studi clinici condotti durante la pandemia e i risultati, sebbene contrastanti, sono incoraggianti.

Gli ultimi risultati, pubblicati lunedì su Cell Medical Reports, provengono da una sperimentazione iniziata prima dello scoppio del Covid-19. Era Progettato per vedere se ci sono più iniezioni di BCG Può giovare alle persone con diabete di tipo 1 che sono più suscettibili alle infezioni.

Nel gennaio 2020, subito dopo l’inizio della pandemia, hanno iniziato a monitorare le infezioni da Covid tra 144 partecipanti al processo. Tutti loro avevano il diabete di tipo 1; Due terzi avevano ricevuto almeno tre dosi di BCG prima dell’infezione. Il restante terzo ha ricevuto più iniezioni di placebo.

Gli scienziati stanno ancora valutando gli effetti a lungo termine del vaccino sul diabete di tipo 1. Ma hanno incaricato un team indipendente di esaminare le infezioni covid tra i partecipanti per 15 mesi, prima che qualcuno di loro ricevesse i vaccini covid.

READ  Biden risulta nuovamente positivo al coronavirus dopo il "rimbalzo" di Boxlovit

I risultati sono stati drammatici: una persona su 96 che ha ricevuto la dose di BCG – o più dell’1 percento – ha sviluppato Covid, rispetto a sei, o il 12,5 percento, dei 48 partecipanti che hanno ricevuto i colpi fittizi.

Sebbene lo studio fosse relativamente piccolo, “i risultati sono drammatici quanto i vaccini mRNA Moderna e Pfizer”, ha affermato la dott.ssa Denise Fastman, autrice principale dello studio e direttrice dell’immunobiologia presso il Massachusetts General Hospital.

Le persone con diabete di tipo 1 sono particolarmente soggette a infezioni. “Abbiamo scoperto che le persone con diabete avevano più infezioni della vescica, meno febbri e raffreddori, meno infezioni delle vie respiratorie e meno infezioni del seno”, ha affermato il dott. Fastman ha aggiunto.

Il vaccino sembra “rendere la risposta immunitaria dell’ospite più vigile, più innescata, non attenuata”.

Un altro studio di BCG ha coinvolto adulti greci di 300 anni con problemi di salute di base come malattie cardiache o polmonari. Il vaccino BCG ha ridotto le infezioni da covid-19 Due terzi e tassi ridotti di altre infezioni respiratorie.

Secondo uno studio pubblicato a luglio su Frontiers in Immunology, solo due persone che hanno ricevuto il vaccino sono state ricoverate in ospedale con Covid-19.

“Abbiamo visto chiari effetti immunologici del BCG ed è allettante chiedersi se possiamo usare altri vaccini che inducono effetti di allenamento sul sistema immunitario – o contro un nuovo patogeno che emergerà in futuro, sconosciuto e che non lo facciamo. Vaccinare “, ha affermato il co-autore principale del documento e il Radbot University Medical Center nei Paesi Bassi. Il professor Mihai Netia ha affermato.

Ha definito i risultati dello studio sul diabete di tipo 1 “molto forti”, ma ha esortato alla cautela, osservando che altri studi hanno avuto risultati deludenti. UN Uno studio olandese su circa 1.500 operatori sanitari Uno studio sudafricano non ha riscontrato alcuna riduzione delle infezioni da covid nelle persone vaccinate con BCG 1.000 operatori sanitari BCG non ha alcun effetto sull’incidenza o sulla gravità del covid.

READ  Olivia Newton-John, cantante e attrice, è morta all'età di 73 anni

I risultati del più grande studio di BCG, Uno studio internazionale ha seguito oltre 10.000 operatori sanitari Australia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna e Brasile per un anno, ancora in fase di analisi e atteso nei prossimi mesi. Lo studio ha seguito gli operatori sanitari dopo aver ricevuto i loro vaccini Covid per vedere se BCG ha migliorato le loro risposte.

“Il BCG è un’area controversa: ci sono credenti e non credenti”, ha affermato il ricercatore capo del processo, il dottor Nigel Curtis, professore di malattie infettive pediatriche all’Università di Melbourne in Australia e presidente del gruppo sulle malattie infettive del Murdoch Children’s Research Institute. . (Il dottor Curtis si definisce “un agnostico”.)

“Nessuno sostiene che ci siano effetti fuori bersaglio, ma quanto è profondo, si traduce in un effetto clinico? Ed è solo con i neonati, il cui sistema immunitario è più suscettibile? Queste sono domande molto diverse”, disse il dottor Curtis.

Diversi fattori possono spiegare i risultati divergenti. BCG è costituito da un batterio vivo attenuato che è stato coltivato nei laboratori di tutto il mondo per decenni, introducendo mutazioni che creano ceppi diversi.

Dott. Il laboratorio di Fastman utilizza il ceppo Tokyo, che è considerato particolarmente potente, ha detto il dottor Curtis. I suoi studi hanno utilizzato il ceppo Danimarca, che è più facile da ottenere. Poiché molti vaccini richiedono vaccinazioni ripetute per aumentare la protezione, anche il numero di dosi può influire sull’immunità.

Tuttavia, gli scienziati interessati al potenziale di BCG di fornire una protezione universale ad ampio spettro contro gli agenti patogeni hanno riconsiderato i loro obiettivi. Poiché gli attuali vaccini sono così efficaci, non si vede più che prevengano il Covid-19.

Invece, vogliono sviluppare strumenti per la prossima pandemia, che potrebbe essere un altro coronavirus, una nuova influenza mortale o un agente patogeno sconosciuto.

“Questo è più per il futuro”, ha affermato la dott.ssa Netia, che ha chiesto studi clinici più ampi sul BCG e altri vaccini che hanno dimostrato ampi effetti protettivi.

“Se lo avessimo saputo all’inizio della pandemia di Covid-19, avremmo potuto avere un enorme effetto protettivo sulla popolazione nel primo anno della pandemia”.

La Open Source Pharma Foundation, un’organizzazione no-profit globale che cerca di sviluppare nuovi trattamenti convenienti nelle aree di maggior bisogno, è interessata a riproporre i vaccini non brevettati per l’uso nelle pandemie attuali e future, ha affermato Jaykumar Menon, presidente e co-fondatore.

“Immagina se potessimo usare i vaccini esistenti per controllare le epidemie – questo cambierebbe la storia del mondo”, ha affermato il sig. BCG non è l’unico vaccino con effetti diffusi sul sistema immunitario, ha detto Menon.

“Questi vaccini più brevi e più specifici, come i vaccini mRNA Pfizer o Moderna, sono posizionati molto strettamente sulla proteina spike del virus che causa il Covid-19, ma se quella proteina muta – e lo fa – perdi efficacia”, ha affermato il sig. ha detto Menone.

Alternativa? “Un ampio vaccino universale che agisce sull’immunità innata mette in atto questo fossato fortificato che respinge gli intrusi”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.