Peter Navarro è stato incarcerato il 6 gennaio per oltraggio al Congresso

Peter Navarro, ex assistente senior del presidente Donald Trump, è tornato in una prigione di Miami martedì, un giorno dopo che la Corte Suprema si è rifiutata di ritardare la sua pena detentiva mentre faceva appello al suo rifiuto di testimoniare davanti al Congresso sui suoi sforzi. Le elezioni presidenziali del 2020 dovrebbero essere annullate.

Parlando ai giornalisti prima di presentarsi in una prigione federale martedì alle 11:30, l'economista 74enne ha affermato che incarcerandolo, il sistema giudiziario ha inferto “un colpo devastante alla separazione costituzionale dei poteri e ai privilegi esecutivi”.

Ha insistito sul fatto di essere protetto dal testimoniare davanti al Congresso, una protezione legale spesso citata ma vagamente definita progettata per garantire riservatezza al presidente e agli alti collaboratori della Casa Bianca. esaminato pubblicamente.

Prima di entrare in prigione, Navarro ha detto di non aver fatto nulla di male ignorando un mandato di comparizione del Congresso e che il suo obiettivo finale era quello di “proteggere la Costituzione”, la separazione dei poteri e i privilegi esecutivi.

“Sapevo fin dal primo giorno, sulla base delle mie esperienze alla Casa Bianca, leggendo i promemoria dell'Ufficio del consulente legale presso il Dipartimento di Giustizia, dopo aver ricevuto quel mandato di comparizione, che esiste un'assoluta immunità probatoria”, ha detto. Navarro in seguito ha elencato diversi importanti assistenti dell’amministrazione Trump – il consigliere Kellyanne Conway, il consigliere Donald McCain e il vicepresidente Rick Dearborn – che “hanno fatto esattamente quello che ho fatto io e non sono mai stati perseguiti”.

Ma, a differenza dei testimoni dell’udienza del 6 gennaio 2021, l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti e l’ingerenza russa – Navarro non ha documenti che dimostrino che Trump abbia sempre pianificato di confermare l'offerta di impedire al suo aiutante di testimoniare, e Trump non ha mai confermato pubblicamente il resoconto di Navarro.

READ  Biden e McConnell esprimono il bipartitismo in Kentucky

“Se fossi andato al Congresso e avessi agito in modo frammentario con loro, avrei danneggiato la separazione dei poteri, non avrei fatto il mio dovere”, ha detto Navarro. I pubblici ministeri hanno affermato che anche quando si applica il privilegio esecutivo, un testimone deve rispondere a un mandato di comparizione e spiegare quali testimonianze o documenti specifici ritengono siano vietati.

Dopo l'attacco al Campidoglio, Navarro ha pubblicato un libro in cui descriveva un complotto per dare l'elezione a Trump durante il conteggio dei voti elettorali della giornata. Ha condiviso l’idea con il conduttore di podcast di destra ed ex stratega di Trump Stephen K. ha detto Bannon.

Quando un comitato speciale della Camera che indagava sull'attacco ha emesso mandati di comparizione a Navarro e Bannon per dettagliare i piani, entrambi li hanno ignorati. Entrambi ora rischiano pene detentive per oltraggio al Congresso. Tuttavia, il giudice del tribunale distrettuale che si è occupato del caso di Bannon gli ha permesso di rimanere fuori di prigione. Si è affidato al consiglio del suo avvocato.

Presidente della Corte Suprema John G. Gli avvocati di Navarro, che hanno rifiutato di commentare lunedì dopo che Roberts Jr. ha emesso la sua decisione, hanno sostenuto che Navarro si è rifiutato di ottemperare a un mandato di comparizione del Congresso perché pensava di affermare i privilegi esecutivi. Sostenevano che lo statuto non era chiaro sul fatto se il Congresso intendesse punire gli alti consiglieri presidenziali in tali circostanze.

Navarro è stato condannato a gennaio Quattro mesi dopo, una giuria lo condannò per due capi d'accusa di oltraggio al Congresso. La settimana scorsa, il Corte d'Appello degli Stati Uniti per il circuito DC Ha rifiutato la richiesta di Navarro di essere libero. I tre giudici hanno affermato che Navarro “non ha dimostrato che il suo appello presenti sostanziali questioni di diritto o di fatto”. annullare la sua condanna o sentenza.

READ  Le azioni dell'Asia-Pacifico vengono scambiate al rialzo in vista del rapporto sull'inflazione negli Stati Uniti

E lunedì Roberts, che supervisiona gli appelli di emergenza del circuito di Washington, non è d'accordo con la sentenza della corte, ha detto.

Ciò significa che Navarro dovrà tornare in prigione entro le 14:00 di martedì.

Prima di entrare nella struttura, Navarro ha affermato di essere stato protetto dal testimoniare davanti alla commissione il 6 gennaio perché era uno stretto consigliere della Casa Bianca di Trump.

“Sono il primo consigliere senior della Casa Bianca nella storia della nostra repubblica ad essere incriminato per questa accusa”, ha detto Navarro.

“Per 50 anni, il Dipartimento di Giustizia ha mantenuto il principio dell'assoluta immunità dei testimoni, e questo in qualche modo è cambiato solo nel mio caso”, ha detto.

In qualità di assistente senior della Casa Bianca, Navarro sostenne che il Congresso non poteva obbligarlo a testimoniare perché era un “alter ego del presidente” ed era protetto dai privilegi esecutivi, stabiliti per la prima volta dal presidente George Washington nel 1796. L’accordo J protegge gli stretti consiglieri della Casa Bianca dal discutere le conversazioni con il presidente.

Washington, tuttavia, ha sostenuto un uso limitato del potere esecutivo, sostenendo che lo avrebbe esercitato solo durante i negoziati sul trattato J per proteggere la sicurezza nazionale e la capacità del paese di negoziare futuri trattati internazionali.

Parlando fuori dal carcere, Navarro è rimasto fermo nel suo sostegno a Trump, attaccando le politiche del presidente Biden e esortando gli altri a votare per Trump alle elezioni di novembre.

“Non sono nervoso”, ha detto Navarro riguardo all'andare in prigione. “Ho avuto un enorme sostegno da Donald Trump e dal suo team.”

READ  Gli investitori si aspettano un aumento del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali

Anche Navarro, vestito con una maglietta nera e una giacca grigia, si è lamentato a lungo del Dipartimento di Giustizia. Ha ripetuto teorie cospirative infondate secondo cui l'attacco del 6 gennaio è stato istigato da agenti sotto copertura dell'FBI e democratici.

Navarro ha affermato che il Dipartimento di Giustizia “mi ha messo lì oggi con le stesse tattiche, strumenti e strategie di Donald Trump”, citando diverse indagini che Trump deve affrontare. L’ex presidente e i suoi amici hanno ripetutamente affermato senza fondamento che la magistratura è armata contro di loro.

“Sono arrabbiato”, ha detto Navarro, aggiungendo che “ha paura per questo paese perché quello che stanno facendo dovrebbe avere un effetto agghiacciante su ogni americano, indipendentemente dal suo partito. Stanno venendo per me; stanno venendo per Voi.”

Navarro ha promesso di riportare il suo caso alla Corte Suprema una volta terminata la sua sentenza.

Ann E. Marimov ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *