Putin ha rafforzato la sua presa su Ucraina e Russia attraverso la legge marziale

MOSCA (AP) – Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato mercoledì la legge marziale in quattro regioni dell’Ucraina, poiché Mosca ha concesso poteri di emergenza a tutti i governatori regionali in Russia, aprendo le porte all’espansione di nuove restrizioni in tutto il paese.

Putin non ha specificato immediatamente quali misure sarebbero state prese in base alla legge marziale, ma ha detto che il suo ordine entrerà in vigore giovedì. Il suo ordine ha concesso alle forze dell’ordine tre giorni per presentare piani specifici e ha ordinato la creazione di forze di sicurezza regionali nelle regioni annesse.

La camera alta del parlamento russo ha adottato rapidamente la decisione di Putin di imporre la legge marziale nelle regioni annesse di Donetsk, Kherson, Luhansk e Zaporozhye. La legislazione approvata indicava che la dichiarazione avrebbe incluso restrizioni ai viaggi e alle riunioni pubbliche, una censura più severa e poteri più ampi per le forze dell’ordine.

“Stiamo lavorando per risolvere i più difficili compiti su larga scala per garantire la sicurezza e un futuro sicuro della Russia e proteggere il nostro popolo”, ha affermato Putin in un commento televisivo all’inizio di una riunione del Consiglio di sicurezza. “Coloro che sono in prima linea o si allenano nei poligoni di tiro e nei centri di addestramento devono sentire il nostro sostegno e sapere che il nostro grande, grande Paese e il nostro popolo unito sono dietro di loro”.

Sabato, il ministero della Difesa russo ha dichiarato che 11 persone sono rimaste uccise e 15 ferite quando due soldati hanno aperto il fuoco su un poligono militare vicino all’Ucraina. Il ministero ha affermato che due anonime ex repubbliche sovietiche hanno aperto il fuoco sui soldati volontari. Rispondi al fuoco.

READ  La bara della regina Elisabetta arriva a Edimburgo mentre le persone in lutto fiancheggiano le strade

Putin non ha fornito dettagli sui poteri aggiuntivi sotto il suo mandato ai capi delle regioni russe. Tuttavia, l’ordinanza afferma che le misure previste dalla legge marziale possono essere introdotte ovunque in Russia “quando necessario”.

Secondo la legge russa, la legge marziale può richiedere il divieto di riunioni pubbliche, l’introduzione di divieti di viaggio e coprifuoco e la censura, tra le altre restrizioni.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che l’ordine di Putin non prevedeva la chiusura dei confini della Russia, ha riferito l’agenzia di stampa statale RIA-Novosti. In un apparente tentativo di calmare un pubblico nervoso, i funzionari regionali si sono precipitati ad annunciare che non erano previsti coprifuoco immediati o restrizioni ai viaggi.

Putin ha ordinato la mobilitazione dei riservisti militari il mese scorso, spingendo centinaia di migliaia di uomini a fuggire dalla Russia.

Il presidente russo mercoledì ha ordinato la creazione di un gruppo di coordinamento per aumentare il coordinamento tra le agenzie governative per affrontare il conflitto in Ucraina, che Putin ha continuato a definire “operazione militare speciale”.

Il primo ministro Mikhail Mishustin, che guida il gruppo, ha affermato che si concentrerà sull’aumento delle forniture di armi e attrezzature militari, sull’esecuzione di lavori di costruzione e sull’agevolazione dei trasporti.

Nelle regioni russe al confine con l’Ucraina, le autorità hanno in programma di rafforzare la sicurezza nelle strutture chiave e di condurre controlli sugli automobilisti, tra le altre misure, ha affermato Andriy Kartabolov, capo del comitato per la sicurezza della camera bassa del parlamento russo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.