Smettila di giocare con la Russia, poni fine alla guerra, dice Zhelensky all’Occidente

  • Il presidente dell’Ucraina critica l’UE, insiste su sanzioni più severe
  • “Smettila di giocare” con la Russia, metti fine alla “guerra inconscia” – Zhelensky
  • Il vertice dell’UE potrebbe portare a una spaccatura sulle sanzioni
  • Il capo delle forze armate ucraine chiede più armi
  • La Russia mette in guardia le nazioni occidentali dal rinunciare alle armi a lungo raggio

KIEV, 27 maggio (Reuters) – Il presidente Volodymyr Zhelensky ha chiesto all’Occidente di sospendere i giochi con la Russia e di imporre severe sanzioni all’Occidente per porre fine alla sua “guerra ignorante” in Ucraina, affermando che il suo Paese rimarrà indipendente. Prezzo.

Le critiche di Zelenskiy all’Occidente si sono intensificate negli ultimi giorni mentre l’Unione Europea si muove lentamente verso un possibile embargo petrolifero russo e migliaia di truppe russe tentano di circondare le due città orientali di Zhivrodonetsk e Lychisansk.

Entro tre mesi dall’invasione dell’Ucraina, la Russia ha abbandonato il suo attacco alla capitale, Kiev, e ha cercato di consolidare il controllo della regione industriale del Donbass orientale, che ha sostenuto l’insurrezione separatista dal 2014.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Gli analisti militari occidentali vedono la guerra per Sivirodonetsk e Lyczynsk come un possibile punto di svolta nella guerra dopo che il ritmo si è spostato verso la Russia in seguito alla resa della guarnigione ucraina Mariupol la scorsa settimana.

“L’Ucraina sarà sempre un paese indipendente, non sarà distrutta. L’unica domanda è quale prezzo pagherà il nostro popolo per la sua libertà, l’unica domanda è quale prezzo pagherà la Russia per questa guerra sciocca contro di noi”, ha detto Zelenskiy . Indirizzo del giovedì sera.

READ  Dow Jones accumula 400 punti, e adesso; 4 titani della tecnologia riportano guadagni

“Se la situazione in Ucraina viene trattata come se il mondo stesse affrontando la stessa situazione, gli eventi catastrofici potrebbero ancora essere fermati se le forze non giocano con la Russia e spingono effettivamente per la fine della guerra”.

Zelenskiy si è lamentato delle divergenze all’interno dell’UE sulle sanzioni aggiuntive contro la Russia e ha chiesto perché alcuni paesi fossero autorizzati a bloccare il programma.

L’Unione europea sta discutendo un sesto round di sanzioni, compreso il divieto alle importazioni di petrolio russo. Ciò richiede consenso, ma l’Ungheria si oppone all’idea sulla base del fatto che la sua economia sarà gravemente colpita. leggi di più

Uno dei principali aiutanti dell’Ungheria ha affermato che l’Ungheria impiegherà da 3-1 / 2 a 4 anni per riprendersi dalla crisi del petrolio greggio in Russia e non sosterrà l’embargo petrolifero proposto dall’UE fino a quando non ci sarà un accordo su tutte le questioni.

Zhelensky ha affermato che la Russia riceve un miliardo di euro al giorno dal blocco di 27 nazioni per le forniture energetiche.

“Quante settimane ancora l’UE cercherà di concordare un sesto pacchetto?” Chiese.

“La pressione sulla Russia è davvero una questione di salvare vite umane. Ogni giorno procrastinazione, debolezza, varie controversie o proposte per ‘placare’ l’occupante a spese della vittima indicano che vengono uccisi più ucraini”.

I commenti di Zelenskiy segnano il secondo giorno dopo l’inasprimento della sua critica all’approccio del mondo alla guerra.

Mercoledì, ha avanzato suggerimenti selvaggi che Kiev dovrebbe offrire concessioni per portare la pace, dicendo che l’idea aveva ostacolato gli sforzi per pacificare la Germania nazista nel 1938. leggi di più

READ  5 cose da sapere prima dell'apertura dei mercati azionari mercoledì 20 luglio

Il vertice dell’UE del 30-31 maggio potrebbe vedere divisioni tra i membri che vogliono una linea dura sulla Russia e quelli che chiedono un cessate il fuoco. leggi di più

Russi avanzanti

Giovedì, l’esercito ucraino ha affermato che le forze russe hanno lanciato un’offensiva su tre fronti per circondare le forze ucraine a Siverodonetsk e Lysyansk. Se le due città attraverso il fiume Shivarsky Donets cadranno, la provincia del Donbass a Luhansk sarà tutta sotto il controllo russo.

L’avanzata russa nel Donbass è stata supportata da massicci bombardamenti di artiglieria. L’esercito ucraino dice di aver bombardato 50 città nelle province di Donetsk e Luhansk giovedì.

Il governatore di Luhansk Sergei Kaitoi ha affermato che cinque civili sono stati uccisi a Siverodonetsk in 24 ore.

Giovedì circa 150 persone sono state sepolte in una fossa comune nel distretto di Lysyansk, perché è molto pericoloso per le famiglie raccogliere i corpi e seppellirli separatamente. La Russia dice che non prende di mira i civili.

Valery Zalushny, il capo delle forze armate ucraine, ha chiesto che il telegramma richieda più armi occidentali, in particolare “armi che consentono al nemico di attaccare da distanze maggiori”.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in seguito ha avvertito che qualsiasi fornitura di armi che potesse raggiungere il confine russo sarebbe “un serio passo verso un’espansione inaccettabile”.

Rischio aumentato

Le nazioni occidentali guidate dagli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina armi a lungo raggio, inclusi obici M777 e missili antinave anti-corno dalla Danimarca.

Washington sta valutando la possibilità di consegnare un sistema missilistico a centinaia di chilometri di distanza a Kiev, e funzionari degli Stati Uniti e dell’ambasciata hanno detto a Reuters di aver discusso con Kiev dell’aumento del rischio che colpisca più in profondità la Russia. leggi di più

READ  La Corte Suprema permette a Lindsey Graham di testimoniare al processo elettorale in Georgia

“Siamo preoccupati per l’aumento, ma non vogliamo stabilire confini geografici o legare troppo le loro mani ai beni che diamo”, ha affermato un funzionario statunitense senza nome.

La Russia definisce le sue azioni in Ucraina una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti. L’Ucraina e l’Occidente affermano che l’accusa fascista è infondata e che la guerra non è stata un atto di aggressione.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia si aspetta che l’Ucraina accetti le sue richieste in qualsiasi colloquio di pace. Vuole che l’Ucraina riconosca la sovranità russa sulla penisola di Crimea di Mosca, conquistata nel 2014, e riconosca l’indipendenza del territorio rivendicata dai separatisti. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

rapporto dell’Ufficio Reuters; Scritto da Michael Perry; Montaggio di Raju Gopalakrishnan, Robert Brussel

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.