Sotto la pressione di Trump, Benz ha minacciato di annullare le elezioni, chiede il comitato

WASHINGTON, 16 giugno (Reuters) – L’ex presidente Donald Trump ha sollecitato il suo vicepresidente, Mike Pence, a revocare la sconfitta alle elezioni del 2020. Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti giovedì 2021.

I membri della Camera dei rappresentanti a guida democratica affermano che Trump ha continuato la sua campagna di pressione pur sapendo che una folla violenta di suoi sostenitori ha minacciato Capitol quando Benz e i legislatori si sono incontrati per certificare formalmente la vittoria del presidente Joe Biden alle elezioni del novembre 2020.

Il pannello di nove membri, utilizzando le prime tre di almeno sei udienze pubbliche di questo mese, ha creato un caso secondo cui i tentativi di Trump di contrastare la sua sconfitta equivalgono a una condotta illegale al di là della politica ordinaria.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Trump ha ripetutamente negato di aver commesso illeciti, pur ripetendo le sue false accuse di aver perso le elezioni a causa della diffusa frode di cui hanno beneficiato i Democratici. Trump e i suoi sostenitori – inclusi diversi repubblicani al Congresso – hanno respinto il gruppo del 6 gennaio come una caccia alle streghe politica.

Il voto di certificazione del 6 gennaio ha attirato l’attenzione di Trump e l’ha vista come la sua ultima possibilità di mantenere la presidenza nonostante avesse perso le elezioni.

Mark Short, amministratore delegato di Benz, ha testimoniato in un video che Benz ha detto a Trump “più volte” di non avere l’autorità per sospendere il voto al Congresso su richiesta del presidente repubblicano.

L’avvocato di Pence Gregory Jacob, un sostenitore chiave della teoria, e l’avvocato John Eastman hanno ammesso che il suo piano per fermare i procedimenti di Pence con il presidente due giorni prima dell’attacco violava la legge.

READ  Vincitore del Belmont Stakes 2022: Mo Donegal vince 5/2 favorito.

Eastman ha sostenuto che Benz potrebbe rifiutare alcune decisioni statali se pensava che fossero illegali, dando ai repubblicani in quegli stati la possibilità di dichiarare Trump vincitore nonostante il numero effettivo di voti espressi.

I consiglieri di Benz hanno detto alla giuria che l’idea non aveva basi legali.

“Questi argomenti sono stati piacevoli per il presidente degli Stati Uniti a parte, è stato mozzafiato”, ha detto l’ex giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti J.J. Ha detto Michael Luttick, consulente informale di Benz.

È ampiamente previsto che Trump si candidi di nuovo alla presidenza nel 2024 e i membri del comitato e i testimoni hanno avvertito che non accetterà la sconfitta, indipendentemente dal risultato effettivo.

“Quasi due anni dopo quella brutta giornata del gennaio 2021, Donald Trump, i suoi alleati e sostenitori sono ancora una minaccia chiara e attuale per la democrazia americana”, ha detto Lutick.

Il pannello ha mostrato a Eastman un’e-mail in cui il presidente si era scusato con l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, l’avvocato di Trump. Eastman non l’ha mai capito.

“Impicca Mike Pence”

Ci sono state diverse clip fredde di migliaia di sostenitori di Trump che sono scesi in Campidoglio dopo una manifestazione, in cui Trump ha ripetutamente criticato Pence, gridando che Pence dovrebbe essere tirato fuori dall’edificio o impiccato.

READ  La Germania ha condannato a cinque anni di prigione un'ex guardia del campo nazista di 101 anni

Alle 2:24, Trump ha twittato che mentre l’attacco era in corso, Benz non aveva il “coraggio” di smettere di contare.

Sarah Mathews, dipendente di Trump alla Casa Bianca, ha testimoniato nel video: “Twittando si sentiva come se stesse versando benzina sul fuoco.

Il rappresentante Pete Aguilar ha detto che un testimone ha detto al Federal Bureau of Investigation che i Broad Boys, uno dei gruppi di destra coinvolti nell’attacco al Campidoglio, avrebbero ucciso Pence se fosse stato in grado di accedervi.

I membri del team hanno affermato che i commenti di Trump contro Benz hanno provocato la folla.

Il gruppo ha mostrato le foto del rifugio Benz durante la rivolta. Jacob, che era con Benz al momento dell’attacco, ha detto di essersi rifiutato di andarsene e di non voler dare ai manifestanti la soddisfazione di costringersi a uscire dall’edificio. “Il vicepresidente non vuole alcuna possibilità che il mondo veda il vicepresidente lasciare il Campidoglio degli Stati Uniti”, ha detto.

L’attacco al Campidoglio ha ritardato di diverse ore la certificazione elettorale, ferendo più di 140 agenti di polizia e provocando diversi morti.

Anche dopo che la polizia ha represso l’attacco e riconquistato Capitol, Eastman ha continuato a fare pressioni sulla squadra di Pence per sconfiggere il referendum.

Eastman scrisse a Jacob alle 23:44: “Le chiedo un’ultima volta, vicepresidente, se può fare ciò che gli abbiamo chiesto di fare in questi due giorni: sospendere la sessione congiunta e rispedirla negli Stati Uniti”. In una mail pubblicata dal Comitato pm.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Patricia Zengerle, Richard Cowan e Doina Chiacu; Rapporto aggiuntivo di Catherine Jackson; Montaggio di Andy Sullivan e Alistair Bell

READ  Donald Trump ha pianificato un falso piano elettorale, pannello da mostrare il 6 gennaio | 6 gennaio udienze

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.