SpaceX conta una delle sue missioni più complesse: Space Flight Now

Copertura in diretta del conto alla rovescia e del lancio del razzo SpaceX Falcon 9 dal Launch Complex 39A al Kennedy Space Center della NASA in Florida. La missione Starlink 4-2 lancerà il prossimo lotto di SpaceX di 34 satelliti Internet Starlink e il carico utile in condivisione per la rete cellulare a banda larga spaziale di AST SpaceMobile. Seguici Twitter.

SFN in diretta

Il booster riutilizzabile SpaceX Falcon 9 decollerà dal Kennedy Space Center della NASA per il suo quattordicesimo volo da record nello spazio alle 21:20 EDT di sabato (0120 GMT di domenica). La missione è considerata uno dei lanci più complessi di SpaceX fino ad oggi, con l’obiettivo di dispiegare 34 veicoli spaziali Internet Starlink e satelliti per banchi di prova per la rete cellulare a banda larga spaziale della navicella spaziale AST.

Lo stadio superiore del razzo accenderà i suoi motori cinque volte per posizionare il satellite BlueWalker 3 di AST Spacemobile e 34 carichi utili Starlink in due orbite diverse: quattro bruciature, quindi una manovra finale per rilanciare lo stadio superiore per un rientro distruttivo nell’atmosfera terrestre. Iscrizione.

Le cinque accensioni del motore dello stadio superiore del Falcon 9 saranno le più eseguite in una missione SpaceX, eguagliando il record precedente. E il primo stadio del razzo Falcon 9 che vola sabato notte diventerà il leader della flotta di SpaceX.

Il primo stadio, denominato B1058, è una parte storica della famiglia di razzi di SpaceX. Ha lanciato la prima missione spaziale di SpaceX il 30 maggio 2020, a bordo della navicella spaziale Crew Dragon.

Dopo che l’equipaggio è stato lanciato nel 2020, il booster è atterrato a bordo di un drone nell’Oceano Atlantico. Da allora ha volato 12 volte, ha rimorchiato nello spazio un satellite militare sudcoreano e ha iniziato una missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale. e otto missioni Starlink.

Pad 39A Lancio di sabato sera Due Falcon 9 SpaceX si stanno preparando per il decollo a breve. Un altro razzo Falcon 9 è attraccato allo Space Launch Complex 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station, poche miglia a sud di Kennedy, per portare in orbita 54 satelliti Starlink non appena domenica notte.

SpaceX ha schierato due delle sue piattaforme di atterraggio per razzi da Port Canaveral all’Oceano Atlantico. I booster che volano sabato e domenica atterreranno su ciascuna delle navi drone situate a poche centinaia di miglia a nord-est di Cape Canaveral.

READ  I futures Dow sono aumentati dopo il rally di mercato di mercoledì

SpaceX ha spostato il Falcon 9 su 39A venerdì durante la costruzione per preparare il complesso di lancio costiero come sito futuro per il più grande booster super pesante riutilizzabile di SpaceX e il razzo Starship. Il personale di terra ha sollevato il Falcon 9 da 70 metri verticalmente a 39A all’inizio di sabato, meno di 12 ore prima di sollevare un altro Falcon 9 verticalmente al Pad 40.

Il satellite BlueWalker 3 di AST Spacemobile è montato sull’adattatore per veicolo di lancio Falcon 9 all’interno della SpaceX Payload Processing Facility a Cape Canaveral. Credito: AST SpaceMobile

I 34 satelliti Starlink per la missione di sabato sera sono collegati a BlueWalker 3, il prototipo di una flotta pianificata di veicoli spaziali di proprietà della AST Spacemobile, con sede in Texas. Il satellite di prova di AST Spacemobile dispiegherà un array di antenne in orbita terrestre bassa coprendo un’area di 693 piedi quadrati (circa 64 metri quadrati), più grande di un tipico monolocale. AST Spacemobile mira a schierare un veicolo spaziale aggiuntivo nel 2023 per iniziare a costruire una rete operativa progettata per collegare i cellulari dei consumatori tramite satelliti.

“Il lancio di BlueWalker 3 è il culmine di molti anni di sforzi dei nostri ingegneri, che ci consentono di collegare il telefono in tasca direttamente ai nostri satelliti nello spazio senza alcuna modifica”, ha affermato Abel Avellon. Ceo di AST Spacemobile, in una dichiarazione. “Questa tecnologia rivoluzionaria supporta la nostra missione di eliminare le lacune di connettività affrontate da oltre 5 miliardi di abbonati mobili oggi e oltre la copertura, e di portare la banda larga cellulare alla metà non connessa della popolazione mondiale. Vogliamo colmare il divario tra i “possessori digitali” ‘ e ‘non abbienti.’

BlueWalker 3 viaggia all’interno della carenatura del carico utile del Falcon 9 nella posizione superiore. Lo stadio superiore del Falcon 9 eseguirà due bruciature del motore prima di dispiegare il satellite BlueWalker 3 da circa 3.300 libbre (1,5 tonnellate) a un’altitudine di circa 318 miglia (513 chilometri). BlueWalker 3 è programmato 50 minuti dopo l’estrazione.

Altre due bruciature del motore attraverso lo stadio superiore del Falcon 9 spingeranno il razzo in un’orbita leggermente più bassa e consegneranno 34 satelliti Starlink a D+plus in 2 ore e 4 minuti. Il fondatore e CEO di SpaceX, Elon Musk, ha affermato che il lancio di sabato sera è stata “una delle nostre missioni più complesse”.

“BlueWalker 3 sarà il più grande array di comunicazioni mai distribuito commercialmente in orbita terrestre bassa”, ha affermato Scott Wisniewski, chief strategy officer di AST Spacemobile. “Si tratta di 693 piedi quadrati, progettati per testare la nostra architettura a banda larga cellulare in tempo reale.

READ  L'uragano Ian si rafforza fino al terzo grande uragano mentre la tempesta atterra a Cuba

“Siamo un’azienda fondata sul desiderio di costruire la banda larga cellulare direttamente dallo spazio”, ha affermato Wisniewski. “Siamo qui nel 2017. E questo satellite è progettato per connettersi direttamente a telefoni cellulari, telefoni cellulari normali, telefoni cellulari non modificati a terra, e lo testeremo nei prossimi mesi”.

L’array di antenne di BlueWalker 3 durante un test di dispiegamento a terra. Credito: AST SpaceMobile

Nei primi due mesi dal lancio, supponendo che BlueWalker 3 funzioni bene, i controllori di terra invieranno al veicolo spaziale un comando per espandere il suo array di antenne. Secondo Wisniewski, l’antenna è composta da 148 segmenti separati, ciascuno con il proprio elemento antenna, collegati da cardini meccanici.

“Il processo di dispiegamento è piuttosto semplice”, ha detto Wisniewski in un’intervista a Spaceflight Now. “Fondamentalmente, riduciamo il satellite in un cubo e si apre in due dimensioni utilizzando l’energia immagazzinata nei cardini che lo collegano insieme. Viene aperta una serie di elementi di antenne che puntano verso la Terra e di elementi solari che puntano verso il Sole.

“La chiave di tutto lo schieramento è mantenerlo il più semplice possibile e il più stupido possibile”, ha affermato Wisniewski. “Quello che ha fatto il telescopio James Webb è stato sorprendente. Ma quel livello di complessità, crediamo, crei potenziali errori. Se puoi evitarlo, lo farai. Nel corso degli anni, abbiamo ottenuto progetti più complessi e ci sono molti modi migliori per farlo in futuro. Ma in definitiva, semplici cardini meccanici sono il modo migliore per ridurre i rischi.

“Per noi, l’espansione… sarà una pietra miliare importante”, ha affermato Wisniewski. “Quindi, calibriamo e poi faremo telefonate”.

AST SpaceMobile è sostenuta da fondi di capitale di rischio e investimenti di Vodafone, dell’operatore di telefoni cellulari American Tower e della società giapponese di telecomunicazioni mobili Rakuten. L’azienda ha accordi con Samsung, Nokia e operatori di rete mobile come Vodafone, AT&T e Orange per testare la compatibilità dei telefoni cellulari esistenti con le reti cellulari spaziali.

BlueWalker 3 dimostrerà la tecnologia di AST Spacemobile con più di 10 operatori di rete mobile in sei continenti. “Il nostro obiettivo è calibrare le loro reti in modo da poterci connettere con loro”, ha affermato Wisniewski.

READ  Mettendo alla prova quella fotocamera Leica da 1 pollice

Se tutto va bene, la società prevede di lanciare i primi cinque satelliti operativi su un altro razzo SpaceX Falcon 9 alla fine del 2023. AST Spacemobile prevede di schierare alla fine 168 satelliti.

“Questo fa parte del nostro piano per costruire 168 satelliti in tutto il mondo”, ha detto Wisniewski.

Razzo: Falco 9 (B1058.14)

Carico utile: 34 satelliti Starlink (Starlink 4-2) e BlueWalker 3

Sito di rilascio: LC-39A, Kennedy Space Center, Florida

Data di rilascio: 10 settembre 2022

Tempo di rilascio: 21:10:10 EDT (0110:10 GMT)

Previsioni del tempo: 60% di possibilità di tempo accettabile; Basso rischio di venti di quota superiore; Basso rischio di condizioni sfavorevoli per il recupero del booster

Recupero booster: Un drone “mancanza di gravità” naviga a est di Charleston, nella Carolina del Sud

Inizializzare l’azimut: Nordest

Orbita bersaglio: circa 318 miglia (513 chilometri) per BlueWalker 3; 201 miglia 207 miglia (324 chilometri 334 chilometri); Pendenza 53,2 gradi

Inizia la sequenza temporale:

  • G+00:00: Decollo
  • T+01:12: Pressione aerodinamica massima (Max-Q)
  • T+02:32: Prima fase di spegnimento del motore principale (MECO)
  • T+02:35: Separazione di fase
  • T+02:42: Accensione motore secondario (SES 1)
  • T+03:16: Carena abbandonata
  • T+06:17: Accensione a combustione del primo stadio (tre motori)
  • T+06:37: Taglio combustione ingresso primo stadio
  • T+08:09: Accensione del razzo di atterraggio del primo stadio (un motore)
  • T+08:28: Taglio meccanico secondario (SECO 1)
  • T+08:31: Atterraggio primo stadio
  • T+47:16: Accensione motore secondario (SES 2)
  • T+47:20: Taglio meccanico secondario (SECO 2)
  • T+49:51: Separazione BlueWalker 3
  • T+1:07:36: Accensione motore secondario (SES 3)
  • T+1:07:38: Taglio meccanico secondario (SECO 3)
  • T+1:53:56: Accensione motore secondario (SES 4)
  • T+1:54:05: Taglio meccanico secondario (SECO 4)
  • T+2:03:49: Separazione del satellite Starlink

Statistiche di lavoro:

  • 175° lancio di un razzo Falcon 9 dal 2010
  • 183° lancio della famiglia di razzi Falcon dal 2006
  • 14a versione del booster Falcon 9 B1058
  • 150° lancio del Falcon 9 dalla Space Coast della Florida
  • 54° lancio di SpaceX dal pad 39A
  • 148° rilascio assoluto dal pad 39A
  • 117° volo di un booster Falcon 9 riutilizzato
  • Il 60° lancio del Falcon 9 è stato principalmente dedicato alla rete Starlink
  • 41° lancio del Falcon 9 nel 2022
  • Il 41° lancio di SpaceX nel 2022
  • 39° tentativo di lancio orbitale da Cape Canaveral nel 2022

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clarke su Twitter: @Stephen Clark1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.