Sparatoria all’Ateneo delle Filippine: tre morti, inclusa Rose Furigay alla cerimonia di laurea

Una sparatoria a una cerimonia di laurea nella regione della capitale delle Filippine domenica ha provocato la morte di tre persone, tra cui un ex sindaco del sud irrequieto del paese, ha detto la polizia.

Il capo della polizia locale di Quezon City, Remus Medina, ha affermato che la sparatoria sembra essere l’assassinio dell’ex sindaco Rose Furigay di South Lamidon.

Il sospetto, che è stato ferito in una sparatoria con un agente di sicurezza del campus, è stato arrestato dopo un inseguimento in auto e ora è in custodia e interrogato, ha detto Medina ai giornalisti.

“Sembra un assassino impegnato”, ha detto Medina, aggiungendo che gli sono state trovate due pistole addosso.

Quezon fa parte della Manila Capital Region, un’espansione urbana di 16 città con oltre 13 milioni di abitanti.

Furike è stato colpito da una fucilata quando stava per partecipare alla cerimonia di laurea di sua figlia presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università dell’Ateneo de Manila, una delle più prestigiose del paese, ha detto Medina.

Il sospettato, non legato alla laurea, è di Lamidan nella provincia di Basilan, roccaforte del gruppo militante dello Stato islamico Abu Sayyaf, noto per rapine e rapimenti.

Gli altri due uccisi erano un agente di sicurezza del campus e un uomo non identificato, ha detto la polizia.

L’Ateneo ha annullato la cerimonia di laurea dopo la sparatoria.

Nel paese del sud-est asiatico, dove le sparatorie sono sporadiche, i proprietari devono avere un permesso per portare armi da fuoco in pubblico. Gli agenti di sicurezza privati ​​nelle Filippine portano pistole o fucili e le armi sono una vista comune nei centri commerciali, negli uffici, nelle banche, nei ristoranti e persino nelle scuole.

READ  Elon Musk parla al CEO di Twitter degli avvocati prima del ritiro dell'accordo: Report

“Ci impegniamo alle nostre forze dell’ordine a indagare a fondo e rapidamente su questi omicidi e ad assicurare alla giustizia tutte le persone coinvolte”, ha affermato il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr. in una dichiarazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.