Stephen Curry ha portato i Golden State Warriors alla vittoria con 43 punti in gara 4

Boston – Stefano Curry Non quello che mostra tonnellate di emozioni durante una partita. Ma nella 4a partita della finale NBA contro i Boston Celtics, i Golden State Warriors 107-97, Curry ha tenuto il cuore nella manica per tutta la notte.

Verso la fine del primo quarto, dopo aver perso 3 punti all’indietro, Curry è arrivato di corsa all’estremità opposta del campo e ha iniziato a urlare contro i fan di Boston: poteva farlo una o due volte dopo una grande vittoria. Girato, ma raramente dai momenti di apertura.

“Sembrava che dovessimo far sapere a tutti che eravamo qui stasera”, ha detto Carrie. “Che sia il loro pubblico, la loro squadra, la nostra squadra, chiunque voglia vedere quell’energia e quel fuoco, lo alimentiamo.

Charlie ha concluso con 43 punti, di cui sette da 3 punti in 14 su 26, e ha aggiunto 10 rimbalzi e quattro assist. È diventato la quinta guardia nella storia della NBA a segnare almeno 40 punti e 10 rimbalzi in una finale.

“Incredibile,” Tremondo Verde Disse. “Mettici sulle sue spalle. Volevamo vincere. La vittoria è molto necessaria. È un gioco che dobbiamo giocare. Vieni fuori e sai perché è uno dei migliori giocatori che abbia mai giocato a questo gioco, sai, questo sistema è stato in grado di per portarlo a così tanto successo. Questo è assolutamente incredibile. “

Green ha detto che sapeva che Charlie non avrebbe lasciato perdere i Warriors. Kerr ha definito il suo gioco “fantastico”. Argilla Thompson Classificata come la performance delle finali n. 1 di Curry.

Curry non ha elencato i suoi spettacoli, ma ha detto di aver compreso l’importanza di ciò che ha fatto venerdì sera, soprattutto considerando il pericolo. La partita di venerdì si sarebbe conclusa con un pareggio per 3-1 con i Warriors o con un pareggio di due serie.

READ  La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno lanciato otto missili in risposta ai test missilistici della Corea del Nord

Curry ha confermato che era quest’ultimo.

“Significa che si tratta dell’urgenza che dobbiamo avere stasera per vincere in trasferta, per mantenere un po’ di vita nella serie, per riconquistare il vantaggio sul campo di casa e per cercare di costruire un po’ di slancio sulla nostra strada”, ha detto Curry.

Curry ha segnato 33 punti nei primi tre quarti, il che è stato costante nelle prime tre partite della serie. Ma la sua area problematica è stata il quarto quarto, dove ha segnato una media di soli tre punti sul 30% dei tiri a canestro. Aveva solo sei punti aggiunti nelle partite 1, 2 e 3.

Venerdì ha segnato 10 punti in finale. Ha segnato 24 punti complessivi nel secondo tempo, il maggior numero di punti della sua carriera nella seconda metà della finale.

I Warriors, come squadra, hanno messo a dura prova i Celtics nel quarto quarto. Golden State ha battuto Boston 15-0 al momento della crisi ed è diventata la prima squadra nelle ultime 50 stagioni a vincere la finale di almeno 10 punti.

“Ci aiutiamo a vicenda, giochiamo insieme, giochiamo in modo aggressivo sulla parte difensiva e, soprattutto, chiudiamo”, ha detto Wiggins. “Sai, non mi piacciono i rimbalzi. Nessun rimbalzo offensivo. Nessun punto di seconda possibilità. Quindi è fantastico”.

Con poco più di un minuto dalla fine del gioco, i Warriors sono passati al 3° posto, quando Thompson ha mancato una tripla per prendere il rimbalzo dell’attacco dei Green. Lo ha rispedito a Curry, ma i Celtics hanno recuperato rapidamente la palla dopo aver lanciato una doppietta a Curry. Green ha poi disonorato la palla a Looney, che ha concluso con una schiacciata Al Harford.

READ  Il britannico ha sconfitto Brooks nelle primarie del Senato che hanno diviso il mondo MAGA

Kerr l’ha definito il secchio più grande della notte. Ma è stata Karita a portarli al punto in cui quel tiro si è trasformato in boxe.

“Di tanto in tanto prendiamo le cose che fa”, ha detto Thompson. “Ma deve andare là fuori e metterci sulle spalle, cioè dobbiamo aiutarlo lunedì”.

Charcoal ha ricevuto un aiuto venerdì da Thompson, che ha segnato 18 punti e ha perso quattro da 3 punti; Andrea Wiggins, 17 punti e 16 rimbalzi; E Piscina GiordanoAggiunti 14 punti. Kevon LooneyIl primo uomo fuori dalla serie della serie ha concluso con 11 rimbalzi e un patrimonio netto di più-21.

Ma Curry ha superato le altre aperture di Warriors 43-39. Il 34enne è il giocatore più anziano ad averlo fatto in finale dopo il 35enne Michael Jordan in gara 6 contro Jazz nel 1998.

Green ha lottato di nuovo e non ha inserito impronte digitali sostanziali nel gioco fino a quando non si è ripreso alla fine del quarto. Kerr voleva tirare fuori dal gioco Green con possedimenti aggressivi negli ultimi cinque minuti di gioco.

Come ha detto Thompson, i Warriors sapevano di dover aiutare Curry. Ma ciò non significa che debbano farlo condividendo il peso di superare le responsabilità.

“Quando un ragazzo è in una situazione del genere, ti togli di mezzo”, ha detto Thompson.

Green ha aggiunto: “Cerca di fare il possibile per liberarlo o aiutarlo a creare i suoi posti e ad andare nei suoi posti. Per noi, dobbiamo riempirlo costantemente. Ovunque possiamo essere, hai fatto un tentativo, fallo. . .. Ognuno è costretto a terminare l’attacco.Se è con i tagli, il basso è liscio, allora lo stai facendo entrare. Sta facendo quello che sta facendo.

READ  Caso di diffamazione Johnny Depp e Amber Heard: ultimi argomenti in corso

Ha detto che sapeva che Curry avrebbe giocato con un livello di fuoco extra in Green Game 4, aggiungendo che poteva dirlo guardando il comportamento di Curry nei giorni successivi alla peggiore sconfitta di due giorni fa.

Curry ha detto di essere entrato in Gara 4 sapendo di voler prendere il comando. Sapeva quanto velocemente potesse cambiare il ritmo della finale e se fosse riuscito a far vincere la sua squadra a Boston, sarebbe stato dalla loro parte.

“Sta per uscire con quel tipo di fuoco”, ha detto Green. “Lo ha fatto, e siamo stati tutti in grado di seguirlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.