Trump dice che sua figlia Ivanka Trump ha “controllato” e non ha visto i risultati delle elezioni

“Ivanka Trump non è stata coinvolta nella visione o nello studio dei risultati elettorali. Ha esaminato a lungo, secondo me, Bill Barr e la sua posizione di procuratore generale (ha fatto schifo!)”, ha scritto Trump sul suo sito di social media Truth Sociale.

Sebbene Trump abbia cercato di minimizzare il ruolo di sua figlia nella sua amministrazione durante le rivolte del 6 gennaio 2021, Ivanka Trump è venuta con suo padre a radunarsi all’ellisse della Casa Bianca prima dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

In una clip della sua confessione andata in onda giovedì sera, Ivanka ha chiesto a Trump la sua reazione quando Barr ha detto che non c’erano frodi elettorali diffuse.

Ivanka Trump ha detto che ha influenzato la mia vista. “Rispetto il procuratore generale forense, quindi ho accettato quello che ha detto”.

Venerdì il presidente del comitato di selezione Benny Thompson ha respinto la reazione di Trump alla testimonianza di sua figlia, dicendo a Erin Burnett della CNN che “in qualche modo dire indirettamente che sua figlia è stata controllata è disonesto da parte sua come padre. Le figlie generalmente sanno cosa stanno facendo, specialmente i padri “Quando c’è una relazione.”

Ivanka Trump ha incontrato il comitato per quasi otto ore ad aprile e la CNN in precedenza aveva affermato di aver confermato la testimonianza chiave di altri testimoni, ma il presidente era riluttante a cercare di fermare i rivoltosi, nonostante gli fosse stato chiesto di farlo.

“Hanno sostenuto la richiesta del presidente di fare qualcosa per fermare la rivolta del 6 gennaio. Deve essere aperto, deve essere diretto”, ha detto alla CNN Thompson, dei Democratici del Mississippi, a proposito del gruppo. Intervista a Ivanka Trump e suo marito Jared Kushner.

READ  'Nessun controllo': cosa dicono i giornali sulla gestione da parte del governo della crisi della sterlina britannica | Giornali

“Quindi in questo modo … intervistando le nostre confessioni e altri testimoni siamo stati in grado di colmare molte lacune come previsto”, ha detto Thompson.

Il pannello ha anche indicato il modulo a porta chiusa del bar in cui ha definito “assurde” le affermazioni di Trump. Bar, che si è dimesso nel dicembre 2020, ha affermato che parte del motivo per cui ha lasciato l’amministrazione Trump sono state le false accuse di Trump (sebbene all’epoca non avesse citato pubblicamente tale motivo).

“Ho chiarito che non ero d’accordo con l’idea di pubblicare queste cose, sostenendo che le elezioni erano truccate. Ho detto al presidente che non aveva senso”, ha detto Barr in un video riprodotto dal gruppo giovedì.

La storia è stata aggiornata venerdì con ulteriori miglioramenti.

Shawna Michel della CNN ha contribuito al rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.