Una misura di voto per l’aborto nel Michigan andrà agli elettori a novembre

Corte Suprema del Michigan Giovedì ordinato Una proposta per sancire il diritto all’aborto nella costituzione dello stato è stata aggiunta al ballottaggio di novembre, ponendo fine a una faida partigiana scoppiata inaspettatamente la scorsa settimana quando un consiglio statale ha rifiutato di approvare la questione.

A ciò è seguita la sentenza dell’Alta Corte di Stato Il Consiglio elettorale di quattro membri del Michigan si è bloccato sull’opportunità di approvare l’iniziativa. Due membri repubblicani dello State Board of Canvassers hanno rifiutato di certificare la domanda, che richiedeva tre voti, adducendo obiezioni al distanziamento e alla leggibilità. Testo di proposta.

Nella sua opinione maggioritaria, il giudice capo della Corte suprema del Michigan Bridget M. McCormack ha definito le azioni dei membri dell’opposizione nel caucus un “triste indicatore dei tempi”.

“Elimineranno il diritto di voto a milioni di abitanti del Michigan. Lei ha scritto.

La campagna Reproductive Freedom for All, che ha guidato la campagna di firma dietro la domanda di scrutinio, ha affermato che i suoi sforzi ora si sposteranno verso la conversione degli elettori a novembre.

“Stiamo recuperando le difese perse con più energia e guidiamo ora che mai RoLo ha detto in una nota Darcy McConnell, portavoce del gruppo.

Una clinica femminile gestita da due generazioni di donne crea un’era post-Roe

Dopo che il consiglio elettorale si è bloccato il mese scorso, la campagna RFFA ha chiesto ai giudici di accelerare una decisione prima della scadenza del 9 settembre per finalizzare gli emendamenti costituzionali e i referendum legislativi per il voto di novembre. Le schede finali saranno inviate agli elettori stranieri e militari a partire dal 24 settembre.

READ  I futures sulle azioni salgono mentre Wall Street guarda avanti ai dati chiave sull'inflazione

Nella sua petizione, la Reproductive Rights Campaign ha affermato che il consiglio “ha abbandonato il suo chiaro dovere legale” rifiutandosi di mettere la misura in votazione nonostante soddisfi i requisiti legali necessari.

Il gruppo anti-aborto Citizens to Support MI Women and Children ha sollevato per la prima volta obiezioni al piano ad agosto. Il gruppo ha presentato una sfida allo stato, sostenendo che gli errori tipografici e di spaziatura hanno creato “stringhe di ridicolo” sostenendo che non dovrebbero essere idonei per l’inclusione nella costituzione dello stato.

Il comitato ha segnalato tre paragrafi della proposta in cui problemi di spaziatura creavano errori di ortografia tra cui “gravidanza correlata alla conclusione” e “natimortalità”, sebbene esperti legislativi abbiano respinto tale argomento in vari atti giudiziari e memorie amicus.

Kristen Polo, portavoce del gruppo, ha detto che spera che gli elettori del Michigan rifiuteranno il quesito referendario, che apparirà nella scheda elettorale come Proposta 3.

“Le conseguenze di questo [amendment] Pollo ha detto giovedì al Washington Post che era di vasta portata. “Gli elettori devono dire no alla Proposta 3 per mantenere questo pasticcio confuso e serio fuori dalla nostra costituzione statale”.

da Roe contro Wade Abrogata a giugno, la lotta per l’accesso all’aborto è stata particolarmente intensa nello stato affidabile viola. Prima che la Corte Suprema degli Stati Uniti emettesse la sua sentenza, il governatore del Michigan Gretchen Whitmer (D) e Planned Parenthood hanno intentato cause separate per bloccare la legge sull’aborto quasi secolare dello stato. Se la legge viene attuata, tutti gli aborti, ad eccezione di quelli compiuti per salvare la vita della madre, saranno perseguiti come reato punibile fino a quattro anni di reclusione.

READ  Classifica degli US Open 2022: copertura in tempo reale, punteggi del golf di oggi, aggiornamenti dal primo round al The Country Club

Se gli elettori del Michigan decideranno di proteggere i diritti all’aborto, lo stato si unirà all’Illinois e al Minnesota come gli unici stati dell’Upper Midwest in cui l’aborto è o potrebbe essere legale. Quegli stati esistono già Diventa un rifugio per le donne in quella parte del paese.

Si prevede che l’alto livello di attività elettorale attirerà i sondaggisti su entrambi i lati del corridoio, il che potrebbe avere implicazioni per la corsa al governatore. Studi recenti mostrano Whitmer davanti a lui Sfidante repubblicano, Tudor Dixon. I repubblicani moderati – un blocco di voto chiave – possono votare in un modo sull’aborto e in un altro sulle gare di governo o di voto negativo.

“Supponendo che abbiamo ancora una marea rossa, l’ovvio e più grande urto di velocità sono gli elettori conservatori favorevoli alla scelta”, ha affermato Jason Roe, uno stratega politico del GOP ed ex direttore esecutivo del Partito Repubblicano del Michigan. “Se l’iniziativa è al ballottaggio, dà loro la possibilità di votare per decidere quale sia la politica sull’aborto nel Michigan, ma anche di votare per i candidati repubblicani”.

Altri quattro stati – California, Kentucky, Montana e Vermont – presenteranno misure di voto davanti agli elettori questo autunno. Le proposte della California e del Vermont chiedono se gli elettori vogliono sancire i diritti di aborto nella legge statale, mentre le domande del Kentucky e del Montana chiedono se gli elettori vogliono approvare leggi che vietano l’aborto.

Ad agosto, gli elettori del Kansas hanno respinto in modo schiacciante la misura del voto Avrebbe spogliato le tutele dell’aborto dalla legge statale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.