Vance ha vinto la corsa al Senato dell’Ohio per prendere il controllo del Congresso

Phoenix, Arizona/Birmingham, Michigan, nov. 8 (Reuters) – La corsa al Senato degli Stati Uniti dell’Ohio alle elezioni di medio termine di martedì ha visto il repubblicano J.D. Vance ha vinto, ma molte delle partite hanno avuto un controllo molto stretto della stanza.

Nel frattempo, mentre i sondaggi si chiudevano in tutto il paese, i repubblicani stavano cercando di strappare il controllo della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ai Democratici del presidente Joe Biden, anche se incombeva la prospettiva di una “marea rossa” che li avrebbe visti raccogliere dozzine di seggi. Essere debole.

I repubblicani hanno ribaltato quattro seggi democratici alla Camera degli Stati Uniti, ha previsto Edison Research, uno in meno di quello di cui avevano bisogno per assicurarsi una maggioranza e bloccare l’agenda legislativa di Biden.

Ma quel numero potrebbe cambiare perché 100 delle 435 gare della Camera devono ancora essere convocate, inclusi alcuni esponenti repubblicani in carica vulnerabili.

Vance, che ha scritto un libro di memorie incisivo, “Hillbilly Elegy”, è stato favorito rispetto al rappresentante democratico Tim Ryan, che ha sottolineato il suo passato da operaio e ha criticato l’ala sinistra del suo stesso partito.

Le gare chiave del Senato in Pennsylvania, Nevada, Georgia e Arizona sembravano tutte sballo. La gara in Georgia si concluderà con un ballottaggio del 6 dicembre, con forse in gioco il Senato. I democratici attualmente controllano il Senato 50-50 e il vicepresidente Kamala Harris può tagliare qualsiasi legame.

Dati gli indici di approvazione indeboliti di Biden e la frustrazione degli elettori per l’inflazione, i primi risultati hanno suggerito che i Democratici potrebbero evitare il tipo di spazzata che alcuni all’interno del partito temevano.

“Non c’è sicuramente stata un’ondata repubblicana, questo è certo”, ha detto il senatore repubblicano degli Stati Uniti Lindsey Graham in un’intervista con la NBC. Ha espresso fiducia che il partito otterrà la maggioranza al Senato: “Penso che saremo a 51, 52 quando sarà tutto detto e fatto”.

READ  Con l'intensificarsi della tempesta tropicale Ian, il percorso della Florida rimane incerto

Anche una ristretta maggioranza repubblicana alla Camera potrebbe bloccare le priorità di Biden mentre avvia indagini politicamente dannose sulla sua amministrazione e sulla sua famiglia.

Oltre a ogni seggio alla Camera, sono in ballottaggio 35 seggi al Senato e tre dozzine di gare di governo. Il governatore della Florida Ron DeSantis, il favorito per la nomination presidenziale repubblicana del 2024, ha sconfitto il rappresentante democratico Charlie Crist, secondo Edison.

È improbabile che il risultato finale dei concorsi del Congresso venga presto reso noto. Più di 46 milioni di americani hanno votato per posta o di persona prima del giorno delle elezioni, secondo i dati dell’American Elections Program, e i funzionari elettorali statali hanno avvertito che il conteggio di quelle schede richiederà tempo.

(Risultati elettorali diretti in tutto il paese Qui.)

L’inflazione elevata e i diritti all’aborto erano le principali preoccupazioni degli elettori, con tre elettori su dieci che sceglievano l’una o l’altra come preoccupazione principale, ha mostrato l’exit poll. Il crimine è stato uno degli obiettivi principali dei messaggi repubblicani nelle ultime settimane della campagna, con solo un elettore su dieci che lo ha reso un problema principale.

Distretti contestati

Un segno di forza repubblicana può essere visto in diversi distretti della Camera competitivi che Biden avrebbe vinto nel 2020 con i confini recentemente ridisegnati.

Ad esempio, nel 2 ° distretto congressuale della Virginia, la rappresentante democratica degli Stati Uniti Elaine Luria ha perso contro la sfidante repubblicana Jennifer Gickens in un distretto Biden tenuto da due punti.

READ  Le azioni di Wall Street salgono mentre i trader valutano la direzione futura della politica monetaria della banca centrale

Funzionari locali hanno segnalato problemi isolati in tutto il paese, inclusa una carenza di carta nello stato della Pennsylvania. Nella contea di Maricopa, in Arizona, uno stato chiave per il campo di battaglia, un giudice ha respinto una richiesta repubblicana di estendere l’orario di voto dopo il malfunzionamento di alcune tabulatrici.

I problemi hanno alimentato affermazioni infondate tra Trump e i suoi sostenitori secondo cui i fallimenti erano stati deliberati.

Un certo numero di candidati repubblicani ha fatto eco alle false affermazioni di Trump secondo cui la sua sconfitta nel 2020 contro Biden era dovuta a una frode diffusa. In Pennsylvania, il candidato governatore repubblicano Doug Mastriano, che ha cercato di invertire i risultati elettorali dello stato dopo la sconfitta di Trump, è stato sconfitto dal democratico Josh Shapiro.

Nel New Hampshire, la senatrice democratica Maggie Hassan ha conquistato il repubblicano Dan Bolduc, un generale in pensione che ha sostenuto le affermazioni infondate di Trump secondo cui i repubblicani un tempo lo consideravano una buona occasione.

In stati oscillanti come Arizona, Michigan e Nevada, i candidati repubblicani che guidano l’apparato elettorale dello stato hanno abbracciato le bugie di Trump, sollevando timori tra i democratici che potrebbero interferire nelle elezioni presidenziali del 2024 se vincessero.

“Negano che le ultime elezioni siano state giuste”, ha detto Biden in un programma radiofonico rivolto agli elettori neri. “Non sono sicuri che accetteranno i risultati finché non vincono”.

Trump, che ha votato in Florida, ha spesso accennato a una terza corsa presidenziale. Lunedì ha detto che farà un “grande annuncio” il 15 novembre.

Anticipando una serata difficile, un consigliere di Biden ha affermato che i Democratici hanno fatto del loro meglio per incolpare l’invasione russa dell’Ucraina, gli alti prezzi del gas e l’inflazione.

Preoccupazioni economiche

Il partito che occupa la Casa Bianca ha sempre perso seggi alle elezioni di medio termine, ma i Democratici speravano che la decisione della Corte Suprema di giugno di annullare il diritto all’aborto a livello nazionale avrebbe contribuito a infrangere quella storia.

READ  I messaggi di testo del 6 gennaio dai telefoni dei principali funzionari del Pentagono Trump sono stati cancellati

Ma l’inflazione annuale ostinatamente alta, che si attesta all’8,2%, il tasso più alto degli ultimi 40 anni, ha pesato sulle loro prospettive per tutta la campagna.

“L’economia è terribile. Incolpo l’attuale amministrazione per questo”, ha detto Bethany Hadelman, che ha detto di aver votato per i candidati repubblicani ad Alpharetta, in Georgia.

A Reuters/Ipsos sondaggio Questa settimana il 39% degli americani approva il modo in cui Biden ha svolto il suo lavoro. Alcuni candidati democratici hanno deliberatamente preso le distanze dalla Casa Bianca poiché la popolarità di Biden è diminuita.

I sondaggi di opinione di Trump sono altrettanto bassi, con il 41% degli intervistati a un recente sondaggio Reuters/Ipsos che afferma che è favorevole.

Al Congresso, la Camera controllata dai repubblicani potrebbe bloccare le priorità democratiche come il diritto all’aborto e il cambiamento climatico, mentre il Senato repubblicano pone il veto alle nomine giudiziarie di Biden, compreso un posto vacante alla Corte Suprema.

I repubblicani potrebbero iniziare una resa dei conti sul tetto del debito della nazione, che potrebbe scuotere i mercati finanziari.

I repubblicani otterrebbero il potere di bloccare gli aiuti all’Ucraina se riprendessero il controllo del Congresso, ma gli analisti affermano che è più probabile che rallentino o addirittura ritirino il flusso di sicurezza e aiuti economici.

Segnalazioni di Joseph Ochs, Jason Lange, Doina Chiaku, Susan Hevey, Gram Slattery e Trevor Hunnicutt a Washington, Gabriella Porter a Birmingham, Michigan, Nathan Lane ad Alpharetta, Georgia, Masha Svetkova a New York, Tim Reed e Barken Reed a Reno, Nevada; di Joseph Ochs e Andy Sullivan; Montaggio di Scott Malone, Alistair Bell, Daniel Wallis e Howard Koller

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.