Westminster Dog Show: foto e annunci dal vivo

Donald Sturrs, il giudice del Best in Show di quest’anno, è stato isolato nella sua stanza d’albergo negli ultimi giorni e si è isolato in tutte le notizie su quale cane abbia mai vinto un premio in qualsiasi competizione.

“Niente Facebook, niente”, ha detto Sturrs, 60 anni, al telefono. “Sto lontano dai social. Ho postato una foto di me e mio marito alla cena dei giudici domenica sera, e poi sono andato in silenzio alla radio.

La sua idea è che quando salirà sul ring stasera, sarà libero da preconcetti.

“Parte del sogno di questo compito di giudizio è che ti alzi da terra e non hai idea di chi stiano arrivando i sette cani”, ha detto Sturrs.

Per eccellere nel giudizio di spettacolo richiede abilità specifiche e distinte. I cani non competono tra loro, ma sono determinati da quanto aderiscono a determinati standard di razza stabiliti dall’American Kennel Club.

“Si riduce al fatto che il cane è il più virtuoso come descritto per la loro razza”, ha detto Sturrs. “Devono trasmettere l’essenza della loro razza al personaggio, al personaggio e al carro”.

Con 209 diverse razze di cani che gareggiano nello spettacolo, Sturs dovrebbe avere familiarità con gli standard di tutte le razze. Così, ha cercato spesso in libri e riviste e infinite immagini di cani online e ha confermato nella sua testa il modello di ogni razza e una sorta di ideale platonico.

Le persone normali che guardano le esposizioni canine spesso fanno il tifo per i loro cani preferiti – Golden Retriever stilizzato, ad esempio, eleganti cani da caccia afgani o pecore sciocche – senza rendersi conto che quelle qualità non devono essere considerate virtù vincenti agli occhi del giudice.

READ  L'ambasciatore russo all'Onu Boris Bondarev si dimette per la guerra di Putin in Ucraina

“Alcune specie si danno a un ambiente di spettacolo”, ha detto Sturrs. “Sono molto attivi, brillanti, più eleganti e hanno più presenza. Ma quello che stiamo cercando è informare la razza.

Nella vita reale, Sturrs è il supervisore del distretto scolastico Fence Stream 24 a Long Island. Ma è stato un attivista cinofilo per tutta la vita, ha partecipato a mostre canine per 50 anni e ne ha giudicate 32, tra cui Westminster. Questa è la prima volta che ha assegnato un premio per la migliore interpretazione.

Mentre parla, Sturrs non sa ancora che uno dei cani in finale è un Bulldog francese, quindi potrebbe essere una scelta personale perché ha un cane di nome Emmet a casa. (Ha un Bull Terrier, Lola.)

Ma ha promesso che qualunque cosa avesse affrontato, l’avrebbe giudicata da spettatore neutrale, senza paura o pregiudizio.

“I cani sono opere d’arte”, ha detto. “Mi piacciono tutte le gare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.